CORONAVIRUS

Coronavirus, la spesa per ordine alfabetico: a Marino si fa così

Martedì 14 Aprile 2020

Il distanziamento in coda, un solo membro familiare, a orari prestabiliti e secondo l'ordine dell'alfabeto. A Marino, popoloso comune dei Castelli Romani,  la spesa si fa così. Ed evidentemente l'organizzazione  va bene visto che il sindaco ha deciso di prorogare l'ordinanza comunale fino al 3 maggio. Con qualche precisazione però: l'appartenenza al nucleo familiare dipende dal cognome del capofamiglia e in caso dovesse recarsi a fare la spesa qualche altro gruppo familiare questo dovrebbe portare con sé anche una delega dell'intestatario anagrafico, o in forma cartacea o anche digitale. Insomma non basta l'autocertificazione.

A Canonica d'Adda spesa divisa per genere: gli uomini potranno uscire 4 giorni e le donne 3. É polemica

E a dire il vero qualche protesta c'è: alcuni cittadini infatti hanno fatto notare all'amministrazione comunale che la distribuzione per fasce orarie a seconda del cognome non tiene conto della distribuzione statistica. Ovvero: la fascia A-E conterrebbe molte più persone della fascia T-Z. Almeno secondo quanto attesta l'elenco telefonico dello stesso comune.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani