Coronavirus e taxi, drammatico calo del lavoro: -60% di corse

Martedì l'incontro con l'assessore alla Mobilità
2 Minuti di Lettura
Sabato 29 Febbraio 2020, 12:13

«La situazione è drammatica, abbiamo registato un calo del lavoro del 60%, aerei e treni sono vuoti e in città, a Roma è tutto morto. Non si lavora». Lo afferma all'Adnkronos Loreno Bittarelli di Uritaxi, riferendo anche che martedì prossimo alle 11 è previsto un incontro sulla crisi coronavirus con l'assessore alla Città in Movimento di Roma, Pietro Calabrese proprio su come i taxi devono comportarsi in questo momento di crisi.

LEGGI ANCHE Coronavirus, donna contagiata a Fiumicino, a scuola i timori delle mamme: «I nostri figli in classe con i suoi»

«Vogliamo sapere come dobbiamo comportarci perché non vogliamo assolutamente alimentare un clima di terrore - sottolinea Bittarelli - anzi vorremmo dare un segnale completamente diverso. Vedremo cosa ci dirà l'assessore». «Siamo in grande difficoltà in particolare da lunedì scorso, - ribadisce Bittarelli - speriamo che la situazione si riprenda al più presto ma ho paura che non sarà così. Bisognerà tenere duro qualche mese: ci sono colleghi in gravi difficoltà con bollettini Inps o Inail da pagare, le rate della macchina ma se non incassi come paghi? Noi vorremmo continuare ad uscire, a lavorare ma dobbiamo anche capire come dobbiamo comportarci».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA