CORONAVIRUS

Coronavirus Roma, in giro nonostante i divieti: arrestati 5 pusher

Domenica 29 Marzo 2020

Giorni difficili per i pusher alle prese con le norme di isolamento forzato volute dal governo per contenere la diffusione del coronavirus. Nel corso della settimana, la polizia ha arrestato, in diverse situazioni, 5 persone per spaccio. Spesso a destare l’attenzione degli agenti è stato proprio il mancato rispetto delle norme anti-contagio. Come accaduto in zona Casilino nuovo dove i poliziotti del commissariato di zona si sono insospettiti per il continuo andirivieni di persone, ritenuto anomalo rispetto alle attuali disposizioni legate, di T.B., 29enne tunisino. Durante gli appostamenti i poliziotti hanno visto il sospettato cedere della sostanza in cambio di denaro e hanno deciso di bloccarlo. A casa sua sono stati rinvenuti 24 grammi di cocaina e 340 euro in contanti ritenuti provento dello spaccio. T.B. è stato arrestato per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti. 

Roma, «Andiamo a fare la spesa», due pusher sorpresi mentre cedevano una dose di droga a un egiziano

Il cororonavirus non ferma lo spaccio: arrestato pusher in trasferta a Tor de' Schiavi

Anche un 30enne romano, arrestato dal reparto volanti è stata notato perché in giro senza giustificazione. I poliziotti lo hanno notato mentre transitava su via Casal del marmo cercando di allontanarsi in fretta. Gli agenti però lo hanno fermato e hanno deciso di perquisirlo. Nel taschino anteriore del giubbotto sono stati rinvenuti tre involucri in cellophane termosaldati contenenti cocaina e nella tasca dei pantaloni 400 euro in contanti. Effettuata la perquisizione domiciliare sono stati rinvenuti 218 grammi di sostanze stupefacenti tra cocaina, marijuana ed hashish oltre a 1090.00 euro in contanti, tre bilancini di precisione, tre telefoni cellulari, un coltellino a serramanico di piccole dimensioni e numerosi fogli manoscritti riportanti nomi e cifre a documentare l’attività di spaccio. 

Storia analoga è accaduta, dall’altro lato della città, a Tor Bella Monaca, dove gli agenti del reparto volanti hanno arrestato M.I., congolese di 24 anni, sorpreso proprio nel momento della compravendita di droga, mentre si era avvicinato ad un uomo per passargli qualcosa. Alla vista dei poliziotti il pusher ha cercato di nascondere due involucri all’interno del passaruota di una macchina in sosta. Gli agenti l’hanno fermato e durante la perquisizione è stato trovato in possesso di 175 euro in contanti e circa 37 grammi di cocaina suddivisi in 76 involucri, precedentemente occultati. Al Prenestino, infine, è stato arrestato R.U., 31enne italiano, fuggito in auto alla vista dei poliziotti. All’interno della vettura nascondeva oltre 2 chili di marijuana all’interno della sua auto: arrestato per detenzione di sostanze stupefacenti, ai fini di spaccio, è stato anche indagato per ricettazione di auto rubata, sulla quale viaggiava senza patente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani