CORONAVIRUS

Roma, requisite in aeroporto a Ciampino 175.000 mila mascherine a norma

Martedì 7 Aprile 2020

Una partita di dispositivi di protezione individuale provenienti dalla Cina e destinati all’approvvigionamento di una società romana è stata requisita, all’aeroporto di Ciampino, dai funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli in collaborazione con i militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma. 

Coronavirus, verso la Fase 2: «Ancora troppa gente in giro, il distanziamento sarà obbligatorio»

Mercato Trionfale, sequestrate mascherine "fatte in casa"

Coronavirus, Sartoria a Roma produceva mascherine illegali, Guidonia: farmacia aveva quintuplicato i prezzi

Durante i controlli di routine allo scalo merci, all’attenzione dei Finanzieri della Compagnia di Ciampino e del personale dell’Ufficio delle Dogane di Roma 1 non è sfuggita la spedizione, costituita da 88 colli contenenti ben 175.000 mascherine ad uso chirurgico conformi alla normativa europea e nazionale in tema di sicurezza, delle quali è prevista in via eccezionale la requisizione, in forza di uno dei recenti provvedimenti del Governo, per soddisfare il maggiore fabbisogno di materiale di protezione determinato all’emergenza sanitaria da Covid-19. 

L’Agenzia, quale «soggetto attuatore» in virtù di un’ordinanza emessa dal Commissario Straordinario, ha disposto la requisizione delle mascherine, per la successiva consegna alla Protezione Civile.

Ultimo aggiornamento: 15:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA