Coronavirus, Anzio e Nettuno riducono le tasse, gli asili nido, la Tari e i parcheggi

Coronavirus, Anzio e Nettuno riducono le tasse, gli asili nido, la Tari e i parcheggi
di di Antonella Mosca
3 Minuti di Lettura
Martedì 17 Marzo 2020, 12:12

Coordinamento per il controllo dei confini intercomunali di Anzio, Nettuno, Ardea e Pomezia da parte della Polizia locale di ciascun Comune. Servirà a razionalizzare anche la verifica degli sconfinamenti non motivati da una città all’altra. Lo hanno deciso i quattro sindaci ieri in una teleconferenza. In una giornata che, al momento, ha segnato una tregua nel conteggio di chi ha contratto il coronavirus sul litorale. I Comuni di Anzio e Nettuno hanno anche varato provvedimenti che sospendono il pagamento di tributi o rette per servizi pubblici. Continua la sanificazione di strade e quartieri nelle ore notturne. Alla riunione via Skype dei quattro sindaci del litorale sud, in un insolito confronto Lega - M5S, hanno preso parte i sindaci di Pomezia Adriano Zuccalà, di Anzio Candido De Angelis, di Nettuno Alessando Coppola, di Ardea Mario Bavarese. «Riunione proficua – commentano - Ci siamo coordinati su varie misure da mettere in campo, come la sospensione dei parcheggi a pagamento. Ribadiamo a tutti i cittadini che si può uscire dalla propria abitazione solo se strettamente necessario». 
L’amministrazione di Nettuno da ieri sta vagliano con i dirigenti misure di sostegno alla cittadinanza. Saranno esentati dal ticket parcheggio gli automobilisti con autocertificazione che giustifichino lo spostamento e la sosta. Sospesi momentaneamente i pagamenti delle rette dell’asilo nido comunale e della mensa scolastica, con il Comune che sta segnalando in automatico l’assenza senza che lo debbano fare le famiglie. Non sarà effettuato l’invio dei bollettini Tari ad aprile, sospendendo di fatto il pagamento. La tariffa annuale per l’occupazione di suolo pubblico e l’imposta sulle affissioni saranno ridotte in misura proporzionale ai periodi di inattività per gli esercizi le attività commerciali che, a causa della pandemia, non hanno potuto lavorare. Sospesi per gli esercenti i pagamenti delle rate di tributi pregressi dovuti al Comune, così come il canone di palestre e impianti sportivi comunali. 
A sostegno di fornitori e consulenti sarà velocizzato il pagamento delle spettanze da parte del Comune, anche con l’anticipazione di cassa. «Le misure - dice il sindaco Alessandro Coppola - sono rivolte in particolare  ai commercianti a cui va il nostro sostegno in questo momento di difficoltà che per loro è anche economico».
A Nettuno il Cimitero civile resta aperto con l’osservanza delle distanze di sicurezza. Rimane invece off limits l’accesso al Cimitero di guerra Usa, chiuso dalle autorità statunitensi. A Pomezia i parcheggi con strisce blu, su tutto il territorio comunale, non si pagheranno fino al 3 aprile. Da ieri è stata dichiarata conclusa la quarantena per il Liceo Pascal e l’Istituto Comprensivo Pestalozzi, fra i cui alunni si erano registrati i primi casi di coronavirus. Ad Anzio la giunta ieri ha anche deciso lo stop al pagamento di tutti i parcheggi fino al 31 maggio e, per tutti i cittadini, la dilazione del pagamento della Tari fino al 30 giugno e dell’attività accertativa sulle entrate comunali fino al 31 maggio. «Vogliamo dare - dicono il sindaco De Angelis e l’assessore al Bilancio Eugenio Ruggiero - segnali concreti alla cittadinanza e alleggerire, al massimo, in base alle nostre possibilità, le scadenze tributarie della cittadinanza e delle categorie produttive del nostro territorio». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA