Coprifuoco alle 23, De Ambrogi (Porta di Roma): «Ha aiutato il cinema»

Centri commerciali, De Ambrogi (Porta di Roma): «Il coprifuoco alle 23 ha aiutato il cinema»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 24 Maggio 2021, 17:29

Ci sono anche degli effetti positivi del coprifuoco alle 23. «Ha aiutato moltissimo il cinema, un multisala da 14 sale – afferma all'Adnkronos il direttore del centro commerciale Porta di Roma, Filippo De Ambrogi –, perché ha fatto in modo che si potesse reintrodurre lo spettacolo delle 20.40». Mentre i negozi non possono restare aperti oltre. «Chiudono, al momento, alle 21 e anche questo è un'ulteriore cosa positiva rispetto al precedente orario delle 20». Sette mesi dopo, i centri commerciali riaprono nei weekend. A Porta di Roma, nella capitale, il bilancio è positivo. «Siamo contenti – spiega De Ambrogi –, l'afflusso è stato ben distribuito e non ci ha messo in condizioni di dover applicare la chiusura per aver raggiunto limiti di capienza». 

Italia tutta in giallo: dai centri commerciali alle palestre tutte le riaperture

Centri commerciali weekend 

A Porta di Roma le persone sono tornate «in misura paragonabile a settembre-ottobre 2020, quindi non ancora flussi pre covid, ma numeri molto buoni» dichiara soddisfatto De Ambrogi che precisa come l'affluenza sia stata in linea con il giro d'affari +50% rispetto ai giorni feriali (lunedì-venerdì). Di qui viene confermata l'importanza dell'apertura del sabato e domenica per gli esercizi dei centri commerciali che, come in questo caso, funzionano anche da hub vaccinali.

Matrimoni, le nuove regole: tavoli da 4, nessun limite agli invitati all’aperto (e passaporto)

Mangiare al chiuso

Nello scorso weekend, circa la metà dei ristoranti a Porta di Roma ha tirato su le serrande. Gli altri, infatti, non avevano spazi all'esterno e così hanno potuto funzionare solo con l'asporto. Ma dal 1 giugno riapriranno, quando sarà consentito somministrare il cibo e le bevande all'interno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA