Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, contagi tra i vacanzieri romani: Malta (con 30 casi) batte Spagna, Grecia e Croazia

Tamponi a Fiumicino per chi rientra da Malta, Grecia, Spagna e Croazia
di Francesco Pacifico
3 Minuti di Lettura
Domenica 16 Agosto 2020, 12:09 - Ultimo aggiornamento: 15:38

È da Malta che sono rientrati dalle vacanze più romani contagiati di Covid. Trenta casi dall'isola dove il governo sta valutando anche una chiusura delle frontiere. Sono 24 invece gli italiani tornati a casa nel Lazio dalla Spagna a essere risultati positivi al tampone.

Hanno raggiunto quota 17 i casi provenienti dalla Grecia, la località all'estero preferita in questa estate dagli abitanti della Capitale. Contenuti, per ora, gli infettati dopo un tour in Croazia, non soltanto tra quelli di passaggi all'isola di Pag dove le misure di distanziamento nelle discoteche sono a dir bene inesistenti.

Covid, controlli di Ferragosto sui passeggeri provenienti da Malta: 100 tamponi

In estrema sintesi, la piccola Malta batte per numero di contagi gli altri Paesi (Spagna, Grecia e Croazia) considerati a rischio dal ministero della Salute, tanto da imporre i tamponi a chi rientra da queste nazioni. Al riguardo tre sono le modalità: test da effettuare all'estero entro 72 ore prima del ritorno, esami da effettuare all'aeroporto (a Fiumicino e a Ciampino sono partiti oggi), oppure - per chi torna in macchina - bisogna avvertire una volta in Italia l'Asl e aspettare 48 ore che si venga convocati al drive in (sei nella Capitale) per fare il molecolare.

Coronavirus, quattro ragazzi contagiati dopo le vacanze a Malta. Chiusi bar e negozio

Ma guardando ai luoghi delle vacanze, Malta, Spagna, Grecia e Croazia, non sono gli unici luoghi da tenere sotto controllo. Infatti, stando a quanto hanno ricostruito la Regione e le Asl competenti nei vari territorio del Lazio, casi "di rientro" si sono registrati anche tra chi tornava dall'Albania (10), dalla Turchia (4), dalla Francia (4), dalla Gran Bretagna con Londra in testa (4), dagli Stati Uniti (2), mentre un caso ciascuno è collegato a cluster presenti in Olanda, Ungheria, Portogallo, Svizzera e Germania.

Covid Australia, morto un 20enne: è la vittima più giovane nel Paese dall'inizio della pandemia

Resta più preoccupante il numero dei cosiddetti casi d'importazione, cioè quelli legati a lavoratori stranieri che ritornano in Italia o vengono nel Paese per cercare un'occupazione. In quest'ottica, è il Bangladesh, con 261 contagiati, ad aver dato più problemi, mentre si conferma alto il peso di Romania (41), India (33), Pakistan (15) e Ucraina (10).

Intanto questa mattina a Fiumicino sono partiti i presidi per effettuare i test rapidi per i turisti da Malta, Grecia, Spagna e Crozia.
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA