Colleferro di nuovo sotto choc: pestato dal branco nel paese di Willy, due giovani arrestati

Colleferro di nuovo sotto choc: pestato dal branco nel paese di Willy, due giovani arrestati
di Francesco Pacifico e vMassimo Sbardella
4 Minuti di Lettura
Domenica 18 Aprile 2021, 10:30 - Ultimo aggiornamento: 11:45

Un nuovo pestaggio scuote la tranquillità di Colleferro. Vittima un ragazzo di 17 anni, lasciato quasi in fin di vita, dopo essere stato picchiato da due ragazzi poco più grandi di lui, di 19 anni, fermati in serata dalla polizia. Ma soprattutto suoi conoscenti, con la comune passione per le arti marziali. E la mente, nella comunità del centro in provincia di Roma, è subita corsa alla brutale aggressione ai danni di Willy Duarte Monteiro, il 21enne che nel settembre scorso perse la vita dopo essere stato picchiato a morte da Gabriele, Marco Bianchi e Mario Pincarelli, e da Francesco Belleggia, soltanto perché aveva tentato di difendere un amico vittima di quei quattro bulli. Anche perché i fatti si sono verificati a Corso Filippo Turati, vicino a Corso Garibaldi, dove Willy fu barbaramente aggredito.
Il 17enne, residente a Segni, non sarebbe in pericolo di vita, ma è in prognosi riservata. Subito è stato ricoverato in gravi condizioni (è in codice rosso) all'ospedale di Colleferro.

Ma i sanitari di questo ospedale, dopo averlo stabilizzato, hanno deciso di trasferirlo a Roma, al San Giovanni Addolorata, dove è attivo un centro di chirurgia all'avanguardia. Chi lo ha visto, ha raccontato che aveva il volto completamente tumefatto, con ferite profonde e alcune fratture al viso. Ieri, stando alle prime indagini, si sarebbe quasi ripetuto lo stesso copione che portò alla morte di Willy. Dalle prime ricostruzioni il giovane, stava camminando in Corso Filippo Turati, quando - intorno alle 18 - ha incontrato i due ventenni. A quanto pare i tre già qualche mese fa avevano avuto una lite. E le ruggini sono subito tornate a galla, ma stavolta dalle parole si è passati ai fatti: i due diciannovenni si sono scagliati contro il 17enne e l'hanno letteralmente massacrato. In due contro uno, l'hanno colpito con calci e pugni al volto e in varie parti del corpo. Soprattutto l'hanno lasciato per terra sanguinante e senza prestargli soccorso. A quanto pare, le proteste dei pochi passanti in zona, avrebbero messo in fuga i bulli, che sono scappati sulla loro auto, un Audi. Ma qualcuno ha preso la targa della loro macchina e subito è iniziata la loro caccia.

Ponza, la morte di Gimmy e l'ombra dei fratelli Bianchi «Andarono nel suo locale»


I TESTIMONI
Grazie alle testimonianze di gente del luogo, i due diciannovenni, entrambi di Colleferro, sono stati subito identificati e arrestati dagli uomini della Polizia di Stato, intervenuti sul luogo dell'aggressione, insieme a due agenti della Polizia locale. I ragazzi sono stati fermati verso le 21 presso le loro case, con l'accusa di lesioni gravissime e portati in commissariato. Mentre è stato denunciato a piede libero un terzo ragazzo che guidava l'auto, ma non ha partecipato al pestaggio.
Si è subito recato a Corso Filippo Turati eppoi all'ospedale per sincerarsi delle condizioni del ragazzo, il sindaco Pier Luigi Sanna: «Qualcuno - ha dichiarato - sembra aver dimenticato quanto è successo a Willy. L'aggressione di ieri pomeriggio è un fatto inaccettabile. Le nostre ferite sono ancora troppo aperte su queste questioni».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA