Roma, i cinghiali litigano tra i cassonetti: aggredita una donna a Monte Mario

Martedì 5 Novembre 2019 di Laura Bogliolo
2
Roma, i cinghiali litigano tra i cassonetti: aggredita una donna a Monte Mario

L’emergenza cinghiali che si litigano i rifiuti in strada non arretra. Ieri mattina una donna è stata caricata da un branco di animali mentre portava a spasso il suo cagnolino in via Giuseppe Allievo, a Monte Mario. Giorni fa un’altra residente, ha ripreso in un video la battaglia tra due ungulati adulti per accaparrarsi un sacchetto dell’immondizia in via Giovanni Taverna. «Non si può continuare a vivere con il terrore, i cinghiali sono sotto casa, ormai non hanno più paura di nulla, assaltano i cassonetti e si litigano i sacchi dell’immondizia non ritirata» racconta Giorgia. «Quella signora si è salvata per miracolo, siamo prigionieri in casa, vengono attirati dai rifiuti» spiega Gianluca Gaeta, residente e promotore di due esposti già depositati contro Ama e Comune sulla mancata raccolta dei rifiuti. Gaeta sta organizzando anche una maxi class action per presentare ricorso alla Commissione tributaria provinciale e chiedere il rimborso della Tari. «In mille hanno aderito» spiega. Giorgia ha rischiato di essere travolta dalla lite tra due cinghiali che giorni fa si contendevano sacchetti dell’immondizia, e li ha ripresi in un video. Siamo in una via trafficata, non lontani da una scuola, l’Istituto Comprensivo Stefanelli. Nel video due cinghiali adulti si contendono un sacchetto dell’immondizia preso arrampicandosi su un secchione. Insieme ai due adulti ci sono quattro cuccioli. Scene di ordinaria follia a Roma Nord, vicino alla riserva Naturale dell’Insugherata. Eppure il 27 settembre nella delibera numero 190 la giunta ha autorizzata la sindaca Virginia Raggi a firmare lo schema di Protocollo d’Intesa tra Regione Lazio, Città Metropolitana di Roma Capitale e Campidoglio “Per la gestione del cinghiale nel territorio di Roma Capitale”.

Un cinghiale nascosto in un cassonetto a Roma

Cinghiale contro un'auto sulla Cassia: «Ormai è invasione, di notte rischiamo la vita»

Papà con il figlio in passeggino aggrediti dai cinghiali: paura a Spinaceto
La firma però ancora non c’è stata e il piano di contenimento non è partito. Il protocollo dopotutto stabilisce una procedura complessa che prevede tempi molto ampi prima dell’intervento. Il Campidoglio deve istituire una e-mail e un numero di telefono dedicati alle segnalazioni. Segue un sopralluogo da parte dei vigili e delle guardie dei parchi regionali. Poi il Comune dovrà convocare un tavolo operativo. L’organizzazione dell’intervento spetta a vigili, guardia parchi e personale delle Asl. È chiaro che i tempi tecnici della procedura sono ampi e difficilmente consentiranno di individuare l’animale appena viene avvistato. Il cinghiale preso con le trappole fino al 30 giugno verrà abbattuto, nel testo si parla di “eutanasia”. Dal primo luglio verrà portato in macelli, istituti faunistici o allevamenti a scopo alimentare: le aziende individuate sono due, una a Viterbo e l’altra di Cerveteri. La Regione si impegna a trovare, entro giugno, una struttura dove portare vivi gli animali catturati. Qui, probabilmente, potrebbe nascere la famosa “pensione” per i cinghiali dove resteranno fino a morte naturale. Giorgio Polesi, presidente del Parco di Vejo, solleva un altro problema: «È stata autorizzata la Città metropolitana a firmare il protocollo di intesa? Il nostro parco confina con 8 Comuni che continuano ad avere problemi: la Forestale di Monterotondo ha inviato una lettera di diffida al comune di Castel Nuovo di Porto che ha le mani legate».
 

Ultimo aggiornamento: 14:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma