Sempre più fiori e monetine sull’Ara di Cesare: la tradizione si rinnova il 15 marzo

Venerdì 15 Marzo 2019 di Lucilla Quaglia
Sempre più fiori e monetine sull’Ara di Cesare: la tradizione si rinnova il 15 marzo
Sono sempre di più i romani che si ricordano del 15 marzo. Una data importante: perché si tratta delle fatidiche Idi, nefasta data in cui venne assassinato Giulio Cesare. Per molti, il padre della Patria. Ad attestare questa convinzione sono i mazzi di fiori, le rose, le monetine e i ricordi personali lasciati questa mattina sull’Ara del Foro Romano dove il primo dittatore romano fu bruciato, dopo essere stato trafitto a morte a Largo Argentina.



Sul luogo che oggi rimane, un piccolo mucchio di terra mischiato a tufo e roccia, ci si commuove ad osservare con attenzione il messaggio di amore lasciato dai tanti capitolini e forse anche dai turisti, che certo nella Capitale fanno fatica ad evitare il sacro luogo.

Ed eccoli i doni. Si parte da un paio di lunghe e candide calle, tenute insieme da un po’ di carta stagnola e un fiocco bianco. Poco sotto c’è un mazzetto di sette piccole rose arancioni, un ramo di mimosa, due rose rosse come quelle che di solito si regalano agli innamorati, tanto lauro intrecciato con nastro rosso, a formare quelle corone di alloro che cingevano il capo dei militari protagonisti di tanti trionfi.


 
C’è perfino una mela verde, quasi a voler perfino sfamare l’amata figura. Ma il dato più strabiliante sono le monetine lanciate in grande quantità sul monumento. Proprio come per Fontana di Trevi, forse anche qui l’avventore e’ in cerca della buona sorte. E guardando meglio i tanti doni che i cittadini romani hanno lasciato sull’Ara di Cesare, si scorge una sua immagine in bianco e nero. Quasi nascosto, un minuscolo mazzolino di primule appena colte, quasi si avesse fretta di deporre qualcosa, in ricordo di lui. Un altro segno dell’affetto della Città Eterna, e di come questa lo ricordi ancora con grande lucidità. E ogni anno, questi segni di amore, sono sempre di più.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La generazione che snobba i motorini e pure i bolidi

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma