Roma, centro per disabili in stato di abbandono, i familiari: «Situazione intollerabile»

Venerdì 10 Gennaio 2020
Roma, il centro per disabili è in stato di abbandono, la protesta dei familiari

Una manifestazione per protestare contro la carenza di personale e il conseguente stato di abbandono della struttura gestita dalla Croce Rossa (Area metropolitana di Roma) e accreditata quattro anni fa dalla Regione Lazio. E' la protesta organizzata questa mattina dai familiari dei trentanove ricoverati presso il Centro Educazione Motoria di via Ramazzini. «I nostri figli - ha detto Maria Concetta Cidoni, 80 anni, mamma di una paziente e promotrice dell'iniziativa - sono qui da tantissimi anni. Oramai la considerano la loro vera casa. Da qualche tempo la situazione è diventata intollerabile. Basti pensare che durante le festa c'erano solo due infermieri che si prendevano cura di tutti i degenti. Siamo noi familiari, quindi, che dobbiamo sopperire a queste carenze. Ci sono parenti di malati che hanno dovuto lasciare il lavoro pur di stare accanto ai loro cari». 

La Croce Rossa da parte sua ha respinto le accuse: «Va sottolineato - ha detto la presidente della Croce rossa di Roma, Debora Diodati - il fatto che siamo stati sempre valutati positivamente da tutte le verifiche ispettive effettuate dalla ASL» ma ha anche ammesso che «la Regione Lazio e la ASM RM 3 hanno garantito delle unità operative in più per tre mesi e per anni abbiamo messo risorse aggiuntive per coprire carenze del budget regionale ma oggi non siamo più in condizioni di sostenerlo. Siamo convinti che le forme di disabilità gravi e gravissime che assistiamo meriterebbero un maggiore sostegno che possa garantire un'assistenza individuale».

«Se questo però non è possibile allora forse il CEM non è il luogo adatto per loro ma va adeguato ad ospitare persone che abbiano forme di disabilità commisurate al tipo di assistenza garantita. Sono questioni da affrontare con il dovuto senso di responsabilità e senza slogan». Insomma una situazione ingarbugliata che potrebbe sbrogliarsi il prossimo martedì quando in commissione sanità alla Pisana ci sarà propria un'audizione sulla vicenda voluta dal consigliere regionale di Fratelli D'Italia, Chiara Colosimo: «È evidente - ha spiegato la Colosimo - che la situazione non può andare avanti così e che l'esasperazione delle famiglie è arrivata al limite. Non è nostro interesse sapere di chi è la responsabilità di questa situazione, ma è nostro dovere trovare la soluzione per risolverla».

Ultimo aggiornamento: 21:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA