Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, vendevano falsi prodotti per celiaci: truffa da 4 milioni al servizio sanitario regionale

Roma, vendevano falsi prodotti per celiaci: truffa da 4 milioni al servizio sanitario regionale
1 Minuto di Lettura
Martedì 18 Dicembre 2018, 10:37

Sei misure cautelari a carico di 5 persone (di cui una colpita da due provvedimenti) sono state eseguite nei confronti di soggetti ritenuti responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata a danno del Servizio Sanitario della Regione Lazio, con contestuale esecuzione di sequestro preventivo ai fini della confisca di somme depositate su conti correnti.
I reati contestati sono: truffa aggravata, ricettazione e contraffazione e uso di atti pubblici in associazione. L'operazione, denominata
Gluten Free 2, del Nas di Roma, coadiuvato nella fase esecutiva da personale dei Comandi provinciali di Roma e Frosinone e dal Nas di Latina, sta eseguendo il provvedimento cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Roma a carico di titolari e/o responsabili legali di alcune rivendite di integratori alimentari per soggetti affetti da celiachia operanti nell'area metropolitana della Capitale in quanto, in seguito all'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma, ritenuti responsabili, in associazione tra loro, di aver organizzato una significativa truffa in danno del Servizio Sanitario della Regione Lazio per circa 4 milioni, attestando falsamente la vendita di prodotti per celiaci a soggetti fittizi e utilizzando false dichiarazioni incamerandone illegalmente i relativi rimborsi spese. Il provvedimento vede indagate complessivamente 9 persone e dispone il sequestro delle somme ritenute provento illecito dell'associazione attestati sia sui conti correnti delle società o su quelli degli indagati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA