«Siamo i Casamonica»: litigano in strada e gli staccano l'orecchio, choc a Roma

«Siamo i Casamonica»: litigano in strada e gli staccano l'orecchio, choc a Roma
di Marco De Risi
4 Minuti di Lettura
Martedì 19 Aprile 2022, 09:01

Una lite stradale brutale che si è trasformata in un tentato omicidio. Il branco, che potrebbe essere formato da nomadi conosciuti in zona, non solo ha aggredito la vittima ma gli ha anche tagliato un orecchio. Sul caso indaga la polizia proprio per risalire al più presto agli autori dell'aggressione.
L'aggressione è avvenuta alle 4 di mattina su un tratto di via Calpurnio Bellico e via Flavia Demetria, a Morena. A rimanere vittima di più persone è stato un egiziano di 59 anni che ha avuto una discussione per motivi di viabilità con un altro automobilista. I due sono venuti alle mani e l'automobilista ha chiamato rinforzi.

Colleferro, notte di paura: ragazzo picchiato come Willy. Caccia agli aggressori

Dalle case vicine sono scese una decina di persone che hanno detto di essere dei Casamonica ed hanno picchiato a sangue l'egiziano a cui hanno anche staccato un orecchio. L'uomo è stato soccorso dal personale di un'ambulanza che l'ha trasportato al Policlinico di Tor Vergata. L'egiziano ha riportato ferite su tutto il corpo, vari traumi anche cerebrali. Ma non sarebbe in pericolo di vita.
LE INDAGINI
Sul posto sono accorsi gli investigatori della Squadra Mobile che si stanno occupano dell'indagine. Sembra che l'egiziano abbia raccontato che la lite di viabilità abbia riguardato il mancato rispetto di una precedenza. E' bastato questo per fare diventare violento l'altro automobilista che poi ha chiamato a raccolta altre persone uscite dalle case. Nella zona abitano i Casamonica, la famosa famiglia di nomadi che è entrata in tante inchieste sul malaffare romano, ma non è ancora detto che si tratti effettivamente di un componente di questa famiglia. Può essere stato qualcuno che per vantarsi si potrebbe essere spacciato per la famosa famiglia nomade. Quello che è sicuro è che i Casamonica abitano in zona. Ora spetterà agli investigatori individuare gli aggressori e quindi verificare di chi si tratti.

Roma, tenta di sedare una rissa ma il branco lo accoltella: choc a Torpignattara


La polizia sta controllando anche le telecamere per vedere se abbiano inquadrato qualcuno dei violenti. Potrebbe essere importante se risultasse qualche fotografia che riguarda la gang che ha agito. Sulla strada ci sono rimaste macchie di sangue. Anche la polizia scientifica ha effettuato un sopralluogo sul posto a caccia di eventuali impronte. Gli agenti sono rimasti oltre due ore sul posto repertando materiali e scattando foto.
IL RACCONTO
«Ero in auto - ha raccontato dal letto di ospedale l'egiziano agli investigatori - Sono stato costretto a frenare perché una vettura non ha rispettato lo Stop. Io gli ho gridato di stare più attento. Ma lui è uscito e si è dimostrato subito aggressivo. Mi ha colpito con un pugno e poi una gomitata. Io ho cercato di difendermi ma dopo poco sono stato circondato da più persone, amiche del mio avversario. Mi hanno picchiato. Mi sono ritrovato solo contro almeno una decina di persone. Poi ho sentito un forte dolore d un orecchio tanto da perdere i sensi. Poi ho saputo che mi hanno staccato una parte di orecchio».
L'intervento chirurgico per riattaccarlo è riuscito. Quando l'egiziano starà meglio verrà portato in un ufficio di polizia per vedere alcune foto segnaletiche fra le quali ci potrebbero essere gli autori del pestaggio.
 

Cortina, rissa tra romani e trevigiani: «Erano ultras della Lazio». Uno di loro è il figlio di un ex politico

© RIPRODUZIONE RISERVATA