Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Sono un Casamonica, non ti pago»: rapina un camper a Roma e poi minaccia il barista

Arrestato un 33enne, paura al Villaggio Olimpico

Roma, rapina un camper, poi l'estorsione al barista «Sono un Casamonica, non ti pago»: 33enne in manette
di Mario Landi
2 Minuti di Lettura
Martedì 22 Febbraio 2022, 12:51 - Ultimo aggiornamento: 23 Febbraio, 10:58

«Sono un Casamonica, ho fatto 10 anni di carcere e ho una pistola». Così un romano di 33 anni con precedenti penali avrebbe intimorito un commerciante per non pagare il conto al bar dove aveva consumato cibo e bevande. Oggi l'uomo è stato arrestato dai carabinieri della stazione Roma Flaminia, accusato, oltre che di estorsione anche di rapina aggravata.

Secondo la procura, lo scorso agosto, pochi giorni prima dell'estorsione al bar, il 33enne avrebbe compiuto anche una rapina con l'aiuto di due complici, un uomo di 58 anni con precedenti penali e una donna di 40, ai danni di una famiglia che viveva in un camper parcheggiato nei pressi del Villaggio Olimpico. Per quest'ultimo reato il giudice ha disposto oggi la misura cautelare in carcere per i due uomini e l'obbligo di presentazione alla PG per la donna.

Roma, spari vicino alla scuola a Casal Monastero: la pista dell’avvertimento

La rapina alla famiglia che viveva in camper 

A far scattare le indagini dei carabinieri, coordinati dalla Procura della Repubblica di Roma è stata proprio la denuncia della famiglia. Nell'agosto dello scorso anno, l'uomo e i due complici avrebbero chiesto agli inquilini del camper la consegna di 100 euro. Per ottenere i soldi avrebbero aggredito violentemente un 77enne percuotendolo al volto, il figlio corso in suo aiuto e una donna di 41 anni che è stata minacciata con un cortello di grosse dimensioni e ferita alle braccia. Al momento il procedimento versa nella fase delle indagini preliminari e dunque  i due indagati sono da ritenersi innocenti sino a sentenza passata in giudicato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA