Laurentina, assaltano la villa e tentano di avvelenare il cane: i ladri presi dai carabinieri

Il materiale sequestrato ai due ladri
2 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Dicembre 2021, 15:05

Erano già riusciti a scavalcare la recinzione e a introdursi nel giardino di una villetta sulla Laurentina ed erano armati, oltre che dei classici arnesi da scasso, di alcuni bocconi di carne avvelenati per neutralizzare il pitbull che era di guardia dentro l'abitazione. Ma il colpo studiato da due ladri di 27 e 44 anni non è riuscito. Il proprietario di casa ha sentito i rumori, si è avegliato nel cuore della notte e ha dato l'allarme ai carabinieri che erano già di pattuglia in zona e sono arrivati in pochi istanti fermando i due. A intervenire, la scorsa notte, sono stati i militari della stazione Divino Amore e Tor de' Cenci. Hanno trovato i due ladri intenti ad armeggiare presos la grata di una finestra, i rumori avevano svegliato il proprietario che, nel frattempo, si era barricato dentro chiamando il 112 con il cellulare.

Roma, rubavano i nuovi bancomat spediti a clienti e prelevavano: tre arresti

L’immediato intervento dei militari ha consentito di bloccare il 27enne che ha prima  tentato di fuggire a piedi e, successivamente, ha cercato vanamente di nascondersi dietro una siepe; l’altro malvivente, invece, rimasto nascosto all’interno del giardino, è stato fermato poco dopo, proprio nell’atto di scavalcare la recinzione dell’abitazione per darsi alla fuga. I carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato oltre agli arnesi da scasso anche 150 g di bocconi di carne, probabilmente utili per neutralizzare un cane di razza pitbull che si trovava all’interno dell’abitazione. Gli arrestati sono stati portati in caserma e trattenuti presso le camere di sicurezza in attesa di comparire dinanzi al Tribunale di Roma per la celebrazione del processo con rito direttissimo. Di sicuro, la coppia aveva ben studiato da tempo i movimenti e le abitudini dei proprietari di casa, ben sapendo che all'interno c'era anche il cane di guardia. Indagini sono in corso per capire se ad aiutare i ladri ci siano anche complici frequentatori abituali della villetta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA