Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Sgombero via Capranica, i tre arrestati condannati ad un anno con la condizionale

Sgombero via Capranica, i tre arrestati condannati ad un anno con la condizionale
di Marco Pasqua
2 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Luglio 2019, 20:55 - Ultimo aggiornamento: 16 Luglio, 19:23

Lanci di oggetti dalle finestre contro gli agenti in tenuta antisommossa, barricate incendiarie formate da materassi e cassonetti dati alle fiamme dagli occupanti: sono le scene da guerriglia urbana che si sono registrate, ieri mattina, durante lo sgombero dell'ex scuola di via Capranica, a Primavalle. Il bilancio di queste tensioni è di tre arresti e di diversi denunciati da parte di polizia e carabinieri. Sono tre gli arrestati, condannati oggi ad un anno con la condizionale e, quindi, rimessi in libertà, senza ulteriori misure restrittive. «Nessuna tolleranza e nessuno sconto ai violenti che occupano, incendiano e attaccano le Forze dell'ordine», aveva invocato ieri il ministro dell'Interno Matteo Salvini.
 

 

Fra i tre arrestati, c'è Farah Nouh, un ragazzo nato in Marocco, di 18 anni, che viveva all'interno della struttura occupata. E poi, ancora: Farah Abderrahim, anche lui nato in Marocco, classe 1975: ha diversi precedenti penali. La terza persona arrestata dalle forze dell'ordine è Damnati Adib Soucaina, nata a Roma, classe 1993.





 

© RIPRODUZIONE RISERVATA