ROMA

Roma, la baraccopoli dei roghi tossici verso lo sgombero: l'area liberata il 10 agosto

Lunedì 27 Luglio 2020
La baraccopoli dei roghi tossici di Roma Nord verso lo sgombero: l'area sarà liberata il 10 agosto

La baraccopoli di Roma Nord sarà sgomberata il prossimo 10 agosto. Lo ha deciso il Campidoglio, che ha inviato una nota formale al Municipio, alla Polizia di Roma Capitale e alla stazione dei carabinieri Parioli. Il campo, oltre ad essere la "residenza" di circa 200 persone, è una vera e propria discarica a cielo aperto. Roghi tossici sono stati segnalati numerose volte, scatenando la rabbia degli abitanti della zona, preoccupati per la propria salute.

LEGGI ANCHE Non solo Torre Maura, viaggio nei campi-polveriera di Roma: «Qui si rischia la violenza di massa»

Nella nota si legge: «Durante il sopralluogo svolto il 10 luglio, oltre alla già nota presenza di un’ingente quantità di rifiuti, è emersa la presenza di numerosi manufatti abusivi e la necessità di liberare da persone le aree interessate». La baraccopoli è stata anche al centro di un servizio de Le Iene, che hanno denunciato l'esistenza di un business illegale sullo smaltimento rifiuti. Gli inviati della trasmissione Mediaset, in quell'occasione, furono aggrediti da alcuni abitanti del campo, accusati di gestire il giro d'affari.

«Finalmente chiude il campo rom su via del Foro Italico. Dopo anni di esposti, interrogazione, mozioni e ordini del giorno, oggi rivendichiamo questa vittoria. Con la chiusura e lo sgombero di questo campo rom "tollerato", ridiamo dignità ad quadrante della città e ai cittadini, liberati dalla piaga dei roghi tossici», commentanto Andrea De Priamo, capogruppo di Fratelli d'Italia in Assemblea Capitolina e Simone Pelosi, coordinatore del partito di Giorgia Meloni nel II Municipio.

Ultimo aggiornamento: 16:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA