Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Trasporti a Roma, dai bus alla metro: un’ora e mezzo al giorno persa

Report sul trasporto pubblico romano: l’attesa abituale alle fermate è di 15 minuti

Trasporto pubblico nella Capitale, dai bus ai treni: un ora e mezzo al giorno persa
di Fabio Rossi
4 Minuti di Lettura
Martedì 2 Agosto 2022, 08:01

Un'ora e mezza al giorno, o poco meno. È quanto passano in media ogni giorno sui mezzi del trasporto pubblico cittadino - bus, metro, tram e treni locali - i romani che scelgono di usarlo, o spesso sono costretti a farlo, per andare e tornare dal lavoro. Un dato che riguarda i tantissimi utenti che abitano nelle periferie e che si spostano da e verso i quartieri centrali (o altre zone della Capitale) per le proprie attività. Meglio va per chi deve usare questi mezzi per viaggiare tra quartieri limitrofi, che ha però il problema delle attese alle fermate, deve la Città eterna non è messa particolarmente bene.

Trasporti a Roma, dalla Roma-Lido ai bus Atac: al via i lavori sui binari, da domani i nuovi orari


IL REPORT
A fare il punto della situazione, periodicamente, sono i dati diffusi da Moovit, l'applicazione che fornisce informazioni per la pianificazione degli spostamenti nelle grandi aree urbane. Le rilevazioni più recenti indicano un lieve miglioramento della situazione, che lascia però Roma tra le peggiori in Italia e in Europa. Il tempo di viaggio medio nella Capitale è di 48 minuti, contro i 43 di Milano, i 38 di Torino e e Venezia, 36 a Firenze, Palermo e Trapani, 34 a Bologna, 33 a Genova e Savona. All'estero va peggio a Parigi (50 minuti) e New York (54). Sono 46 i minuti di un viaggio a Madrid, che scendono a 36 a Barcellona. Complessivamente quasi un passeggero romano al giorno (il 49 per cento del totale) utilizza i mezzi pubblici per più di due ore al giorno.
ALLE PALINE

Non va molto meglio se si prendono in esame i tempi medi di attesa alle fermate del tpl. Qui il dato migliora - in cinque anni è sceso da 20 a 15 minuti - ma ancora non è competitivo rispetto ad altre città italiane dove si aspetta molto meno. A Milano, Genova e Savona, il tempo medio è di 9 minuti. Il migliore su nove città analizzate. Dieci minuti il tempo di attesa a Venezia e Firenze, 13 ad Asti e 13 a Torino. Peggio di Roma solo Napoli con 22 minuti, Palermo e Trapani con 24. Guardando ad altre grandi metropoli europee, poi, la Città eterna ha il tempo peggiore: seguono New York con 12 minuti, Madrid, Parigi e Berlino con 11, Londra con 10 Milano e Barcellona con 9.

Metro A e B Roma, fermate chiuse e guasti: uno stop al giorno. L'odissea dei pendolari


A PIEDI
La Capitale, però, è la città dove si percorrono le distanze inferiori per arrivare alle fermate: in media 665 metri, come a Genova e Savona. Un po' più lunghi i tratti da percorrere a Milano, 715 metri in media, mentre servino circa 725 metri a Torino e Asti, 750 a Firenze, 762 a Bologna, 811 a Palermo e Trapani, 850 a Napoli, 917 a Venezia. All'estero, invece, ogni mattina un passeggero di New York deve camminare per circa 800 metri, che diventano 750 a Parigi, 700 a Barcellona, 645 a Londra e solo 612 a Madrid.
I PERCORSI
Un singolo viaggio sui mezzi pubblici, a Roma, ha una percorrenza media di 7 chilometri. Meno di Milano, dove se ne percorrono 8, di Venezia che si attesta a 8,5, e soprattutto di Napoli, in testa alla classifica con 9 chilometri. Oltre un terzo degli utenti romani, però, percorre oltre 12 chilometri per un singolo viaggio da casa al lavoro. Per scegliere di utilizzare maggiormente il trasporto pubblico locale, il 16 per cento dei viaggiatori della Capitale vorrebbe una maggiore frequenza di passaggio dei mezzi alla fermata, il 13 per cento chiede il rispetto dei tempi di passaggio indicati negli orari, l'11,5 per cento vorrebbe mezzi meno affilati, il 9 per cento tariffe più convenienti, l'8,5 per cento qualche corsia preferenziale in più, e quindi meno traffico lungo il tragitto.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA