Roma, bullo minaccia compagno di classe a scuola con una pistola finta. «Sarà sospeso»

Il ragazzo aveva preso di mira un 14enne coetaneo all’Armellini di San Paolo. Nell’istituto interviene la polizia, sequestrata la replica

Roma, bullo minaccia compagno di classe a scuola con una pistola finta. «Sarà sospeso»
di Emiliano Bernardini
4 Minuti di Lettura
Lunedì 10 Ottobre 2022, 22:31

Non era la prima volta che quel bullo prendeva di petto il ragazzo, suo coetaneo e compagno di classe della prima superiore dell’Istituto tecnico industriale statale Giuseppe Armellini a San Paolo. Prima qualche presa in giro poi si è passati agli schiaffi dietro la nuca e infine agli insulti. Il motivo? Quel compagno di classe è un po’ in sovrappeso. Bodyshaming. Una situazione che andava avanti dall’inizio della scuola tanto che il “carnefice” e altri ragazzi erano già attenzionati dai docenti del consiglio di classe. Insomma erano tenuti sotto controllo perché il problema c’era. Ma nessuno immaginava che si potesse arrivare a tanto.

Lunedì il bullo va a scuola come fa ogni giorni ma stavolta niente insulti o schiaffi. No, stavolta si porta nello zaino una pistola, che fanno sapere dalla Questura è «un’arma giocattolo e non una da softair». La legge prevede che le rami ad aria compressa non possano essere portate in giro ma solo utilizzate nei luoghi adibiti a questo tipo di sport. L’ha nascosta nello zaino e prima di entrare in classe l’ha mostrata alla vittima puntandogliela addirittura tra le gambe, come anticipato ieri da Leggo. Un gesto che provoca un forte choc nella vittima che quel giorno non entra in classe. Il ragazzo in lacrime telefona subito alla mamma e, singhiozzando, gli racconta quanto è appena accaduto. Il racconto lascia la donna a bocca aperta. Non può credere a quello che ha appena sentito. Ma decide di agire immediatamente e così prima informa la polizia e contestualmente avverte la scuola. 

L’INTERVENTO

Gli agenti si recano subito presso l’istituto con il dirigente scolastico e gli altri professori che si sono mostrati da subito molto collaborativi. D’altronde certe vicende rischiano di rovinare la reputazione dell’istituto. «In questa scuola noi pratichiamo l’inclusione. E’ un valore che perseguiamo fortemente» rimarcano con orgoglio. E infatti nel 2017 l’Itis Armellini, con il video “L’Amore Non Ha Sesso”, si è aggiudicato il primo posto nella competizione Laboratorio Rainbow, il progetto realizzato da Gay Center, al fine di attuare azioni formative rivolte a studenti e docenti, che ha visto il sostegno del Miur Social, del Dipartimento Pari Opportunità di Palazzo Chigi – Presidenza del Consiglio dei Ministri e della Regione Lazio. Ecco perché assicurano inoltre: «Da questo episodio i ragazzi dovranno capire che la vita va in un altra direzione.

Tratteremo il caso in maniera esemplare». Il ragazzo, secondo i docenti del consiglio, potrebbe essere sospeso nei prossimi giorni. Le sirene rompono la “routine” scolastica tanto che «di quello che stava accadendo ce ne siamo accorti proprio per l’arrivo della polizia. Inizialmente abbiamo pensato che ci fosse della droga a scuola, successivamente abbiamo capito che si trattava di un episodio di bullismo» fanno sapere altri docenti. Il ragazzo è stato chiamato in presidenza con lo zaino e contestualmente è stata avvertita la mamma. Messo davanti al fatto compiuto il bullo non ha potuto far altro che ammettere le sue responsabilità. Per questo è stato denunciato e la pistola ad aria compressa sequestrata (indagini sull’arma per vedere se è stata modificata). «Piangeva come un bambino» racconta chi ha assistito alla scena. Oltre al lui ci sarebbero altri due coetanei, le lo posizioni sono al vaglio della polizia, che avrebbero preso parte agli episodi di bullismo. La vittima, invece, è sotto choc e da una settimana si rifiuta di andare a scuola. Nei giorni scorsi si è tenuto un consiglio di classe straordinario per decidere come agire «possibile che venga sospeso ma con obbligo di frequenza». La scuola avvierà contestualmente una serie di incontri con le famiglie. A intervenire sarà anche l’Ufficio scolastico regionale, che attraverso un’ispezione vuole chiarire i contorni della vicenda. Il direttore dell’Usr Rocco Pinneri ha chiesto una relazione dettagliata di cosa è accaduto all’interno della scuola, con le testimonianze dal personale. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA