Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Buche a Roma, via libera all'Anas: lavori su 400 km di strade. Dalla Cassia alla Casilina, tutti i cantieri

Il decreto Trasporti facilita gli accordi tra Comune e azienda verso il Giubileo

Buche a Roma, via libera all'Anas: lavori su 400 km di strade, Dalla Cassia alla Casilina, tutti i cantieri
di Fabio Rossi
3 Minuti di Lettura
Sabato 18 Giugno 2022, 13:01

Si parte dalle strade di scorrimento radiali, quelle che collegano le aree centrali della Capitale con i quartieri periferici e le zone esterne al Gra: dalla Casilina alla Cassia, fino a via Cristoforo Colombo. Ma gli interventi di manutenzione stradale dell'Anas riguarderanno una grande porzione della rete viaria romana: oltre 400 chilometri da rimettere in sesto, a partire da quest'estate, entro l'Anno Santo del 2025. La collaborazione tra il Campidoglio e l'azienda del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, già avviata nei mesi scorsi, viene ora rafforzata dal decreto Trasporti, approvato tre giorni fa dal Consiglio dei ministri. La legge autorizza l'amministrazione capitolina, la Città metropolitana e la stessa società Giubileo 2025 a sottoscrivere apposite convenzioni con l'Anas, in qualità di centrale di committenza, applicando le misure di semplificazione già previste per il Pnrr. «Potrà proseguire la proficua collaborazione già avviata da Roma Capitale con Anas, per realizzare nuovi interventi di messa in sicurezza, manutenzione, sviluppo e riqualificazione di molte strade importanti della città», ha spiegato il sindaco Roberto Gualtieri.

Marciapiedi come giungle a Roma, il Comune striglia i Municipi. «Avviate subito gli sfalci»


LA MAPPA
Soltanto con i fondi giubilari, la società guidata da Aldo Isi, anche sfruttando la possibilità di affidare i lavori direttamente, ha a disposizione 200 milioni per risistemare 463 chilometri di vie e piazze: più della metà degli 800 chilometri di strade della viabilità principale, di competenza diretta del Comune, che compongono la rete della Città eterna. Tante le arterie candidate per i primi interventi della battaglia contro le buche: dalla Tiburtina all'Ostiense, passando per viale di Tor di Quinto, via Trionfale, via di Torrevecchia, viale del Muro Torto, via Prenestina, via Gregorio VII, via dei Prati Fiscali, via Appia Nuova, via Tuscolana. E poi via Laurentina, viale dei Colli Portuensi, via della Magliana, via Boccea, viale Castrense, via della Borghesiana, via Palmiro Togliatti. Ma anche l'asse via del Mare-via Ostiense e alcuni tratti della Litoranea, che presentano un fondo stradale particolarmente dissestato.

Roma, il piano per il Giubileo: ponti, strade, parcheggi e un parco a Termini


LE RISORSE
Sempre dallo stesso monte di risorse, stanziate in vista del grande evento religioso, il Campidoglio prenderà altri 95 milioni per tappare le buche e migliorare il decoro delle strade oggi di competenza municipale (complessivamente 4.700 chilometri lineari di rete viaria), 15 per l'asfalto sui lungotevere e 15 per i marciapiedi di tutta la città. L'Anas, poi, con un altro milione di euro messo a disposizione dal governo e 5 di tasca propria, riqualificherà anche accessi e uscite presso gli svincoli del Grande raccordo anulare.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA