Bollettino Covid Lazio del 29 marzo: 1.403 nuovi casi (-433), sono 800 a Roma, 45 morti (+31). Sì al vaccino in farmacia

Bollettino Covid Lazio di oggi 29 marzo: 1.403 nuovi casi (-433), sono 800 a Roma, 45 morti (+31). Sì al vaccino in farmacia
4 Minuti di Lettura
Lunedì 29 Marzo 2021, 17:08 - Ultimo aggiornamento: 30 Marzo, 00:22

Il bollettino del 29 marzo 2021. Su oltre 10 mila tamponi nel Lazio (-4.888) e oltre 4 mila antigenici per un totale di oltre 14 mila test, si registrano 1.403 casi positivi al Covid (-433), 45 i decessi (+31) e +1.561 i guariti. «Diminuiscono i casi, mentre aumentano i decessi, i ricoveri e le terapie intensive. Il rapporto tra positivi e tamponi è a 14%, ma se consideriamo anche gli antigenici la percentuale è al 9%. I casi a Roma città sono a quota 800. Oggi c'è stata una riunione operativa per organizzare l'apporto della rete delle farmacie nella campagna vaccinale», commenta l’Assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

«L’incontro avvenuto oggi pomeriggio in Regione con Federfarma e l’Associazione delle Farmacie comunali è stato molto positivo. Siamo pronti, i cittadini potranno a breve prenotarsi sulla piattaforma regionale scegliendo la farmacia territorialmente più vicina con il loro codice fiscale e secondo le classi di età. Si potranno fare almeno 20 vaccini al giorno in ciascuna delle mille farmacie aderenti come obiettivo iniziale, questo significa un potenziale di 20 mila vaccini al giorno complessivi. La distribuzione avverrà seguendo le modalità di distribuzione dei farmaci alle farmacie già presenti. Si tratta di un tassello molto importante nella campagna vaccinale, auspichiamo di poter iniziare le prenotazioni a metà del mese di aprile, se saranno garantite le dosi necessarie», comunica D'Amato.

Vaccini, iniziano le somministrazioni nelle farmacie. Il via in Liguria, ecco come funziona e dove si possono fare

Nella Asl Roma 1 sono 385 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano undici decessi con patologie.

Nella Asl Roma 2 sono 372 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano dieci decessi con patologie.

Nella Asl Roma 3 sono 122 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano sette decessi con patologie.

Nella Asl Roma 4 sono 61 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi con patologie.

Nella Asl Roma 5 sono 164 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano quattro decessi con patologie.

Nella Asl Roma 6 sono 96 i casi nelle ultime 24h e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano tre decessi con patologie.

Nelle province si registrano 203 casi e sono otto i decessi nelle ultime 24h.

Nella Asl di Latina sono 79 i nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto.

Nella Asl di Frosinone si registrano 60 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio, contatti di un caso già noto o con link familiare. Si registrano sei decessi di 65, 67, 74, 76, 86 e 93 anni con patologie.

Nella Asl di Viterbo si registrano 28 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto. Si registrano due decessi di 86 e 96 anni con patologie.

Nella Asl di Rieti si registrano 36 nuovi casi e si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto.

Vaccino, ecco il certificato digitale del Lazio che attesta l'immunizzazione: tutte le informazioni

«Vaccini anti-Covid: viaggiamo a una media di circa 25 mila somministrazioni al giorno e oggi andiamo verso le soglia di un milione di somministrazioni». Così l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato. «Nella fascia degli over 80 il 42% delle persone prenotate ha già completato il ciclo vaccinale, ovvero hanno ricevuto anche la seconda dose» aggiunge.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA