ROMA

Lazio, primo bando pubblico per uso beni confiscati: 141 tra immobili e terreni

Sabato 3 Ottobre 2020 di Camilla Mozzetti

Appartamenti, ville, negozi e poi ancora magazzini sequestrati alla criminalità organizzata in tutto il Paese: sono centinaia gli immobili che l'Agenzia nazionale per l'amministrazione e la destinazione dei beni confiscati mette per la prima volta a bando con l'obiettivo di un loro riutilizzo sociale.

Un unicum in sostanza che guarda al mondo del terzo settore, delle associazioni e del volontariato per fare in modo che quei tanti appartamenti o strutture - utilizzate un tempo da clan e organizzazioni criminali - possano trasformarsi in rifugio per i bisognosi, in centri di assistenza fisica e psicologica per le persone più disagiate, in difficoltà, vittime di violenza o maltrattamenti. 

Beni confiscati alla criminalità organizzata: il primato a Cassino, segue Frosinone

L’iniziativa che si articola con un bando - le domande di partecipazione scadranno il prossimo 31 ottobre - dà avvio ad una nuova modalità di assegnazione che vedrà protagonisti gli enti e le associazioni senza scopo di lucro, chiamati ad elaborare progetti con finalità sociale, incentrati sui beni confiscati, che saranno loro assegnati a titolo gratuito secondo modalità e criteri trasparenti e partecipativi. Le assegnazioni dureranno 10 anni e potranno essere rinnovate una sola volta. Nel bando inoltre è prevista una clausola di preferenza per i progetti sostenuti dalle pubbliche amministrazioni che si impegnano ad acquisire la proprietà di un bene. Prima della scadenza della presentazione delle domande sarà inoltre possibile effettuare un sopralluogo.

Roma, le mani della camorra sui ristoranti del centro: 13 arresti, sequestrati 4 milioni di beni

Per quanta riguarda il Lazio che raggruppa il 9% dei beni sequestrati sull'intero territorio nazionale sono stati messi a concorsi 141 immobili collocati nelle tre provincie di Roma (114), Frosinone (16) e Latina (13). Si tratta principalmente di appartamenti o abitazioni indipendenti (26), appartamenti in condomini (32), box e garage (11), magazzini (6), negozi (4) ma anche terreni agricoli ed edificabili (36) oltre a 5 ville. Nella provincia di Roma i comuni interessanti sono quelli della Capitale con la messa a bando di 74 beni complessivi, Ardea (14), Castel Madama (2) e Velletri (22). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA