Dai ristoranti al turismo, la Regione Lazio stanzia 34 milioni di aiuti alle imprese per superare la crisi

Sbloccata la prima tranche da 2 milioni per il turismo, fondi anche a discoteche e mondo wedding

Dai ristoranti al turismo, la Regione Lazio stanzia 34 milioni di aiuti alle imprese per superare la crisi
di Francesco Pacifico
5 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Dicembre 2021, 08:32 - Ultimo aggiornamento: 14:40

Altri 34 milioni di euro di aiuti a fondo perduto alle imprese dalla Regione Lazio per superare la crisi scattata dopo la pandemia. Risorse che si aggiungono ai 560 milioni già erogati negli ultimi due anni in questa direzione dall'amministrazione Zingaretti. Ieri è stato sbloccato un primo pezzo di questo pacchetto, con l'approvazione di una delibera che stanzia 2 milioni di euro al settore del turismo.

Ristorazione e turismo, i fondi della Regione

 

Entro la fine dell'anno via libera agli altri atti necessari per garantire nuova benzina: sia sul fronte dell'accesso al credito sia come incentivi ai comparti più colpiti dalla congiuntura come quelli della ristorazione o dei trasporti turistici e le realtà della filiera corta.

Sostegni bis, 15,4 miliardi per ristori a fondo perduto. Turismo, Alitalia, vaccini: tutte le misure


LA PRIMA DELIBERA
«Quasi 600 milioni di euro dall'inizio della pandemia: è la cifra complessiva che in meno di due anni la giunta regionale ha messo a disposizione per sostenere i settori più colpiti dalla crisi economica generata dal Covid - ha sottolineato il governatore Nicola Zingaretti - E ne fanno parte anche questi 34 milioni di euro di fondi nazionali che ci sono stati messi a disposizione dal governo e grazie ai quali possiamo (la prima delibera è proprio di ieri) sostenere vari settori economici che hanno sofferto delle chiusure che per diversi mesi sono state necessarie per evitare il diffondersi del contagio».
Come detto, ieri si è partiti stanziando le risorse per il settore del turismo green: la giunta del Lazio ha deciso di assegnare 2 milioni di euro per rilanciare e potenziare le attività nei parchi tematici, negli acquari, nei parchi geologici e presso i giardini zoologici. «Sono strutture - spiega l'assessore al Turismo, Valentina Corrado - che hanno perso tanti visitatori».

Negozi e bar, via ai ristori: «Bonus fino a 25mila euro», il piano da 51 milioni della regione Lazio Le categorie ammesse


Nelle prossime sedute saranno approvate le delibere per lo stanziamento delle ulteriori somme, necessarie per accelerare la ripresa. In primo luogo una parte consistente dei restanti 32 milioni sarà destinata a strumenti per facilitare l'accesso al credito alle piccole e medie imprese: soprattutto parliamo di garanzie pubbliche sugli impegni bancari oppure veri e propri prestiti di microcredito a tassi bassissimi. Poi ecco un pacchetto incentivi dedicato a singoli settori. Nella lista dei beneficiari i pubblici esercizi come titolari di ristoranti, bar e forse discoteche, palestre e stabilimenti balneari che nei mesi scorsi hanno chiuso o ridotto il servizio per la pandemia. Sempre nell'ottica dei comparti da aiutare sono stati inseriti il cosiddetto mondo del wedding, quello che in estrema sintesi organizza i matrimoni, le realtà della filiera corta alimentare (verranno incentivati gli acquisti da parte di ristoranti e bar) o le ditte di trasporto turistico. L'assessore regionale al Commercio e alle Attività produttiva, Paolo Orneli, ci tiene a sottolineare che «questi 34 milioni di euro rientro nel quadro di una manovra più ampia che comprenderà anche l'avvio della nuova programmazione dei fondi comunitari e gli investimenti finanziati con il Pnrr». Soltanto le risorse in arrivo dalla Ue, nel 2022, passeranno da 900 a 1,8 miliardi. «Saranno raddoppiate. Con questa strategia - aggiunge Orneli - Noi vogliamo sostenere l'innovazione, l'internazionalizzazione delle aziende, il consolidamento delle rete d'impresa e la valorizzazione delle peculiarità. Poi, perché ci incide sulla creazione di posti lavoro, vogliamo sostenere il collegamento tra il mondo dell'impresa e quello della ricerca».

 

Una parte dei 34 milioni è stata attinta dal fondo statale per il sostegno delle attività economiche particolarmente colpite dall'emergenza epidemiologica: questo pacchetto copre da solo il 10 per cento della dotazione complessiva per il 2021 che è di circa 340 milioni di euro, dei quali 220 milioni in arrivo dal decreto Sostegni e altri 120 milioni dal Sostegni bis. Banca d'Italia ha calcolato che il Lazio, nel 2020 anno della crisi, ha visto crollare il suo pil dell'8,6 per cento, che durante l'anno in corso potrebbe essere non recuperato. Orneli vuole rimarca «l'alta resilienza dell'economia della Regione», mentre ottimista è anche il presidente Zingaretti: « Oggi, anche grazie all'immensa campagna di vaccinazione messa in campo nel Lazio, la situazione è nettamente migliorata, ma gli effetti economici delle restrizioni subite, e dei conseguenti mancati incassi, si avvertono ancora ed è per questo che siamo, ancora una volta accanto alle tante attività economiche che desiderano il ritorno a quella normalità che tutti noi auspichiamo».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA