Roma, sgominata banda di 12 algerini: rubavano ai turisti facoltosi da Fiumicino a Termini

Domenica 6 Ottobre 2019
8

Sgominata una banda di borseggiatori algerini che mettevano a segno furti tra l'aeroporto di Fiumicino e la stazione Termini. Vittime predilette, passeggeri facoltosi in transito, principalmente di nazionalità russa, araba e orientale. Il modus operandi era ormai collaudato. Mettevano a segno furti in Italia pur risiedendo stabilmente in Francia e Spagna, prendevano di mira passeggeri facoltosi in partenza dall'aeroporto di Fiumicino ed erano abili nel camuffarsi e cambiare abiti in pochi minuti. Infine, se sorpresi in flagranza di reato dalle forze dell'ordine, si spacciavano per cittadini di nazionalità libica per evitare il rimpatrio.

Vespa rubata a un adolescente ritrovata dai carabinieri dopo 28 anni

Roma, rubano dall'auto a noleggio fedi e regali di nozze: incubo per una coppia di sposi inglesi
 

 

Dopo mesi di indagini capillari, pedinamenti e controlli serrati tra lo scalo romano, la stazione Termini ed alcune zone nel cuore della Capitale, la polizia di frontiera di Fiumicino ha arrestato per furto aggravato cinque borseggiatori, tutti di nazionalità algerina, con precedenti penali, e altri sette sono stati denunciati. Ad incastrarli le immagini catturate dall'impianto di video-sorveglianza implementato nell'aeroporto dalla società di gestione, Aeroporti di Roma. Soltanto nelle ultime due settimane i borseggiatori erano riusciti a compiere tre furti di seguito in poche ore tra lo scalo romano e alcune zone della Capitale, accumulando refurtiva per oltre 50 mila euro. Soldi e altri costosi oggetti parzialmente recuperati dalla Polizia giudiziaria e restituita ai legittimi proprietari. 
 

La banda, che per spostarsi abitualmente utilizzava persino auto prese a noleggio da compagnie a basso costo, era specializzata nei furti dei bagagli e l´area di grande afflusso turistico maggiormente presa di mira era proprio lo scalo romano, le aree di noleggio auto, quelle dei parcheggi situati a ridosso delle aerostazioni. Ma il loro campo d´azione, a quanto si è potuto apprendere, era ben più vasto: gli hotel a cinque stelle appartenenti a note catene situati al centro di Roma, le maggiori vie del centro della città e la stazione Termini. E proprio intorno alla stazione centrale, peraltro, che gli investigatori, successivamente, hanno scoperto che alcuni componenti della banda di borseggiatori pernottava, in alcune piccole strutture ricettive gestite da personaggi stranieri senza scrupoli, i quali, violando la legge sull´antiterrorismo, non registravano neanche l´ingresso dei propri clienti.

Ultimo aggiornamento: 12:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sui bus e la metro di Roma le voci parlano strano: fermate “Gnogno” e “Megabyte 1”

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma