Bancomat di Rocca Santo Stefano fatto saltare in aria: 5mila euro di bottino e 40mila di danni nel palazzo comunale

Assalto al bancomat
di Antonio Scattoni
3 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Dicembre 2021, 16:00 - Ultimo aggiornamento: 16:04

Assalto al bancomat di  Rocca Santo Stefano, comune di mille anime vicino la città di Subiaco nella Valle dell’Aniene. I malviventi però sono scappati con un magro bottino, appena cinquemila euro, ingenti invece i danni arrecati  al palazzo comunale, dove è stata devastata  la sala consigliare.

Notte di paura nel piccolo e caratteristico borgo montano svegliato durante le ore notturne intorno alle 3,30 per la forte esplosione al bancomat del credito cooperativo dell’ istituto di credito di Bellegra.  Lo sportello automatico di prelievo è infatti posizionato nel muro esterno del palazzo comunale di Rocca Santo Stefano, vicino proprio alla sala consigliare, dove si svolgono le riunioni della massima assise cittadina. La forte deflagrazione oltre a scardinare il locale Atm dell’isituto di credito ha devastato l’aula comunale mandando in frantumi  le porte, le  finestre, lo scranno,i  banchi, le sedie, il gonfalone, le bandiere e perfino un crocifisso appeso la muro. Naturalmente la banda del buco si è subito dileguata in una delle strade che portano al paese, portandosi dietro un bottino magro e provocato gravi  danni.

“Il colpo ha fruttato ai malviventi– dice il sindaco  Sandro Runieri, visibilmente arrabbiato – cinquemila euro secondo i dati forniti  dalla banca di Bellegra. Purtroppo ingenti sono stati i danni al nostro palazzo comunale. Da una prima stima siamo oltre i 40 mila euro, una spesa enorme per il nostro piccolo Comune. C’è rabbia, amarezza, dispiacere e delusione per il gesto che indirettamente colpisce l'aula del Consiglio comunale, l'aula che ha deciso nel tempo quello che siamo oggi, quello che Rocca è oggi nel bene e nel male”. 

Naturalmente dopo la delusione e la rabbia c’è già la voglia di ricostruire: “ Ci attiveremo- conclude il sindaco -  immediatamente per restituire l’aula consigliare presto alla cittadinanza, migliore di prima anche se nessuno potrà mai guarirne la ferita”.  Ma non è la prima volta nella Valle dell’Aniene che un bancomat di un piccolo centro viene preso di mira con l’esplosivo. E’ già accaduto a luglio del 2017 al bancomat di Roiate, sempre del credito cooperativo di Bellegra ma allora il bottino della refurtiva fu più pesante, circa 40 mila euro, con le banconote che volarono, addirittura, anche nella piazza del paese per la forte esplosione. Sul furto indagano i carabinieri della Compagnia di Subiaco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA