Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, poche multe per eccesso di velocità. «Ora più autovelox»

Soltanto il 10% delle contravvenzioni è elevato per mancato rispetto dei limiti. Il Campidoglio aprirà un tavolo con vigili e Prefettura per installare nuovi rilevatori

Roma, poche multe per eccesso di velocità. «Ora più autovelox»
di Francesco Pacifico
4 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Agosto 2022, 00:34 - Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 15:52

In tutta la città ci sono solo una trentina di autovelox. E per lo più mobili. Sono stati invece ottantacinque i morti sulle strade della Capitale nei primi sette mesi dell’anno. E, soprattutto, appena il 10 per cento delle sanzioni elevate dai vigili e dalle altre forze dell’ordine è per eccesso di velocità. È allarmante il quadro che offrono questi numeri sulla sicurezza stradale nella Capitale. Non a caso la giunta Gualtieri, che sul tema si avvale anche della consulenza dell’ex direttore sportivo della Ferrari Jean Todt, sta spingendo sulla Prefettura per avere a disposizione più autovelox a Roma. A lanciare l’ennesimo campanello d’allarme è la pubblicazione da parte del ministero degli Interni dei rendiconti dei Comuni sui proventi delle sanzioni stradali. La Capitale ha incassato nel 2021 94.180.487,39 di euro. Ma di questi, soltanto 4.649.845,92 provengono da contravvenzioni per eccesso di velocità, rilevati con autovelox. Una proporzione sull’accertato - a Roma, va ricordato, si paga solo un’ammenda su 5 - che si conferma sul totale di multe: nel 2021 si sono scoperte 700mila violazioni, delle quali solo 71mila per mancato rispetto dei limiti di velocità.

Incroci pericolosi

Nella Capitale le cronache spesso raccontano incidenti stradali causati dal combinato disposto tra alta velocità e pessime condizioni stradali. Come detto, soltanto tra gennaio e luglio di quest’anno, hanno perso la vita 85 persone. Tra loro emblematico il caso di Beatrice Funariu, 20 anni, e Giorgia Anzuini, 22 anni, amiche per la pelle che lo scorso 11 luglio anche a causa della velocità sostenuta, sono finite nell’altra carreggiata mentre percorrevano l’Olimpica facendo un frontale con un’auto che proveniva dalla direzione opposta. Senza dimenticare quanto si “corre” di notte e nei weekend sulle consolari o sui Lungotevere. Per scongiurare nuovi incidenti il Comune ha già investito 4 milioni per migliorare la segnaletica in 70 incroci pericolosi, ma ora il Campidoglio vuole stringere sull’introduzione di nuovi autovelox. Operazione non facile perché ci deve essere il via libera della Prefettura e se la gestione è delle forze dell’ordine la manutenzione è del Simu, il dipartimento dell’urbanistica.

A Roma, guardando a quelli gestiti dalla polizia locale e principalmente dal gruppo Gpit, sono disponibili soltanto una trentina di rilevatori della velocità mobili. Che i caschi bianchi - soprattutto quelli del Gruppo pronto intervento traffico - non usano con parsimonia e con appositi pattuglioni: infatti quest’anno le sanzioni per eccesso di velocità sono aumentate del 10 per cento rispetto al 2021. I “velocimetri” fissi invece sono circa una decina, per lo più sulle consolari, se si fa eccezioni per i due tutor nella galleria Giovanni XXIII. Troppo pochi. Per questo la giunta è pronta ad aprire un tavolo con la Prefettura per installare ulteriori autovelox. In quest’ottica va detto che il Comune spende due terzi dei 94 milioni incassati per le sanzioni per la sicurezza stradale: oltre 18 milioni per migliorare la segnaletica, quasi 20 per l’acquisto di automezzi della polizia locale e 25,5 per la manutenzione. Nota Simone Baldelli, deputato di Forza Italia e presidente della commissione parlamentare di inchiesta sulla tutela dei consumatori: «Se negli anni passati si fossero usati meglio i soldi delle multe, ora le strade di Roma non sarebbe un colabrodo come oggi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA