ATAC

Roma, autobus contro un albero, colpo di sonno dopo un sms: la ricostruzione dei testimoni

Giovedì 17 Ottobre 2019 di Lorenzo De Cicco e Alessia Marani

Ashen Silva, 28 anni, originario dello Sri Lanka ne è sicuro: «L'autista prima di farci finire tutti contro l'albero si è addormentato. L'ho visto reclinare la testa di lato e chiudere gli occhi. È per questo che il bus ha sbandato contro il pino». Il ragazzo che fino a poco tempo fa faceva il pizzaiolo ieri era sul 301 diretto nel centro di Roma. E non ha dubbi. Mima il conducente mentre si addormenta. Il ragazzo è seduto nella sala triage del pronto soccorso del Santo Spirito, lo stesso ospedale dove ieri è stato portato e tenuto in osservazione anche Misael Vecchiato, il conducente dell'Atac finito nel mirino dell'inchiesta per lesioni. «Ero lì davanti, in piedi, accanto al conducente - racconta Ashen - Vicino a me c'erano due donne. Penso che anche loro lo abbiano visto mentre piegava la testa e chiudeva gli occhi».

Incidenti, sassaiole, mezzi che esplodono: la “vita spericolata” dei pendolari Atac
 

Il testimone ha il braccio destro immobilizzato, dice di avere prima rifiutato il trasporto in ambulanza e di essere «venuto il pomeriggio da solo, perché il dolore non passava». E aggiunge: «Quella strada è sempre pericolosa perché stretta, e su quel bus ho avuto paura altre volte, sono stati sfiorati diversi incidenti».
Potrebbe essere una testimonianza chiave dell'inchiesta aperta dalla Procura di Roma. Sarà raffrontata con quella resa da Andrea Sabbatucci, studente di 18 anni, che dall'Aurelia Hospital dove è stato medicato, ha detto di avere visto «armeggiare l'autista con il telefono, inviare e rispondere ai messaggi», ma di «non sapere dire se nel momento preciso dell'incidente avesse il cellulare in mano, perché l'ultima volta che lo avevo guardato era un paio di fermate prima dello schianto». L'utilizzo del telefonino alla guida, però, è una circostanza che M. V., dall'ospedale, ha smentito. L'autista, confortato dalla moglie Daniela e dal padre Paolo, ex macchinista della ferrovia Roma-Viterbo, ha consegnato il telefonino ai vigili del Gruppo Cassia e ha giurato: «Non stavo parlando al telefono. L'ultima chiamata l'avevo ricevuta un'ora prima da Daniela, non avevo l'auricolare bluetooth e le ho detto che ci saremmo sentiti quando mi sarei fermato». Quarant'anni, da 12 alla guida dei bus Atac, M. V. ha aggiunto: «Controllino pure tutti gli orari, i messaggi e i tabulati, non ero al cellulare». I vigili hanno chiesto all'autista anche il telefonino di servizio che però non aveva più: «L'ho perso o me l'hanno rubato. Ho fatto denuncia ai carabinieri».
 

 

SEMPRE DI NOTTE
Il conducente è risultato negativo ai test per alcol e stupefacenti. «Mio marito - spiega Daniela - non beve e non si droga. Siamo evangelici, la nostra vita è tutta in famiglia. Di solito lavora sui bussolotti, le linee notturne, invece proprio ieri aveva chiesto un cambio turno, di mattina, per stare il pomeriggio con i figli». Fonti Atac spiegano che in ogni caso aveva rispettato il riposo di 11 ore previsto. L'uomo appena ha visto la moglie è scoppiato in un pianto. Confuso e sotto choc, al padre ha ricostruito gli ultimi frammenti di memoria prima del buio: «Ho sentito che era stata prenotata la fermata, ho guardato nello specchietto retrovisore. Ho pensato quanta gente, l'autobus è stracolmo. E ho sperato che qualcuno scendesse alla fermata successiva per prendere il bus che era dietro. Poi ho sentito il botto, mi sono voltato verso destra e ho visto una signora che aveva il viso pieno di sangue e in quel momento mi è caduto sopra la testa lo zaino che era nel comparto superiore. La porta di vetro non c'era più. Non ricordo altro». Il cognato dopo essere stato in via Cassia, pone un dubbio: «Il bus aveva la ruota anteriore sinistra bloccata mentre lo stavano portando via. Bisogna verificare che funzionasse anche prima». La Procura ha disposto perizie tecniche sul cellulare del conducente e sul bus, portato in deposito e sequestrato. Anche Atac ha aperto un'indagine interna.

NESSUNA TELECAMERA
Il mezzo era molto vecchio, classe 2003, in servizio da quasi 17 anni, quindi. Ma il foglio di via non conteneva indicazioni di malfunzionamenti recenti e il conducente che l'aveva guidato nel turno prima, sentito dagli ispettori dell'azienda, non aveva lamentato guasti. Distrazione, colpo di sonno o cellulare, dunque? Non aiuteranno le telecamere: non erano a bordo del bus (l'Atac le ha montate solo su quelli più nuovi), in ogni caso non possono essere puntate sui conducenti. «Per la loro privacy», dice il sindacalista Claudio De Francesco.
 

Ultimo aggiornamento: 14:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma