Atac, voragine nei conti: 37 manager indagati per bancarotta

Quindici anni di gestione finiti nel mirino della procura

Atac, voragine nei conti: 37 manager indagati per bancarotta
di Michela Allegri e Francesco Pacifico
2 Minuti di Lettura
Sabato 7 Maggio 2022, 10:03 - Ultimo aggiornamento: 8 Maggio, 11:07

Trentasette indagati e almeno quindici anni di gestione finiti nel mirino della procura. O meglio: mala gestione, come ipotizzano gli inquirenti, che avrebbe traghettato la municipalizzata romana dei trasporti sull'orlo del baratro, rendendo necessario un concordato per salvarla dal default. Da Gioacchino Gabbuti ad Antonio Cassano, da Mauro Calamante, passando per i vecchi membri del consiglio di amministrazione, Ercole Turchi, Marco Gelmini e Lorenzo Tagliavanti, e arrivando fino a Carlo Tosti, Adalberto Bertucci, Tullio Tulli e Roberto Diacetti, un esercito di ex top manager di Atac è stato indagato per bancarotta concordataria. Sul caso procede la Guardia di finanza, coordinata dalla pm Alessia Miele, che ha recentemente chiesto una proroga delle indagini. Agli atti, l'antologia degli errori e delle leggerezze che potrebbero avere scavato una voragine nei conti dell'azienda.

Atac, per evitare nuovi roghi saranno rottamati 600 bus

Roma, bus in fiamme; la perizia della Procura: «C'è un difetto di fabbrica»


L'inchiesta è partita dalla relazione sul management della municipalizzata fatta dai commissari del tribunale fallimentare che hanno avuto accesso alle carte sui bilanci. Nel fascicolo c'è di tutto: erogazione di premi aziendali mentre l'azienda era in sofferenza, rimborsi non dovuti, compensi eccessivi, danni erariali provocati da forniture strapagate e che si sono rivelate inadeguate. La Procura indaga anche sui soldi spesi per l'acquisto di una nuova sede, mai consegnata, e su appalti non a norma.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA