ATAC

Roma, Atac avvisa gli autisti: «Attenti alle buche, è meglio guidare piano»

Mercoledì 24 Luglio 2019
2

Le strade di Roma fanno male alla salute degli autisti dell’Atac. Guidare tutto il giorno gli autobus tra buche, asfalto dissestato, sampietrini, dossi provocati dalle radici degli alberi, infatti, mette a serio rischio le parti del corpo più sollecitate, in primis la schiena. E a denunciarlo non sono stati i lavoratori, ma è la stessa azienda di trasporto pubblico ad averlo messo nero su bianco.

Atac, raccogli trenta bottiglie di plastica e vinci un biglietto per la metro

Con una disposizione operativa firmata ieri, Atac ha approvato un’integrazione al “manuale degli operatori di esercizio”, che contiene le “indicazioni utili a ridurre le vibrazioni trasmesse al conducente e i loro effetti sull’apparato muscolo-scheletrico”. Detto in soldoni, una sorta di decalogo che gli autisti devono osservare per ridurre i danni provocati dalle strade dissestate della Capitale. Negli anni scorsi, sulle malattie professionali degli autisti aveva acceso un faro la Procura, con un’indagine aperta in seguito a una segnalazione dell’Inail.

In particolare, si trattava di casi di ernia del disco, cervicale cronica, disturbi al collo e alla schiena. Nel suo “breviario”, per prima cosa, l’azienda raccomanda agli autisti di “mantenere un’andatura regolare, evitando frenate brusche e accelerazioni improvvise”, e di “mantenere una velocità bassa, compatibilmente con le esigenze di servizio, soprattutto in presenza di manto stradale rovinato o fessurato”. Ma a parte lo “stile” di guida, l’attenzione maggiore è riservata alla regolazione del sedile, fondamentale per assorbire i colpi del “motocross” quotidiano sulle strade della Capitale. Qui le indicazioni per il personale scendono nel dettaglio. 
 

Ad esempio, Atac suggerisce di sedersi il più possibile con la schiena aderente allo schienale, che va inclinato all’indietro creando un angolo tra cosce e busto di 100°. Ancora: l’altezza del sedile va regolata in modo che i talloni poggino sul pavimento. Importante è anche la regolazione del volante, che va eseguita con cura per evitare posture innaturali. Per salvaguardare il collo, il poggiatesta poi va regolato in modo che “il bordo superiore si trovi all’altezza della sommità del capo, mentre la distanza tra testa e poggiatesta non deve superare i 5 cm”.

Anche la posizione dello specchietto laterale ha la sua importanza. Ma le sollecitazioni cui sono sottoposti gli autisti dalle buche sono talmente forti che Atac ha deciso di riconoscere ai sui lavoratori anche una specie di “diritto alla sgranchita”. Come indicato nella disposizione operativa, gli autisti potranno se necessario “scendere e salire frequentemente dal veicolo”. Ma per Atac, la condizione delle strade di Roma, oltre a mettere a rischio la salute degli autisti, è anche fonte di gravi danni alla flotta, con ripercussioni sui chilometri che l’azienda deve garantire in base al contratto di servizio. In un anno solare, da quando la condizione delle strade si è deteriorata, sono saltate un milione e mezzo di corse, con tantissimi bus che si guastano.

Ultimo aggiornamento: 12:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Autobus a Roma, le trovate degli utenti per sopravvivere ai disagi

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma