Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Artena, incendiato il pub Mulo Brigante nella notte. «È il quinto episodio accaduto in città»

Artena, incendiato un pub nella notte. «È il quinto episodio accaduto in città»
di Luigi Biagi
3 Minuti di Lettura
Sabato 13 Agosto 2022, 09:00 - Ultimo aggiornamento: 14 Agosto, 16:49

«Non può che essere opera di uno squilibrato». Il titolare del pub Il Mulo Brigante di Artena non ha dubbi sulla natura dolosa del rogo che ieri ha danneggiato il suo locale. Anche perché pare che sia stato visto un uomo armeggiare davanti alla porta del pub. I carabinieri stanno facendo accertamenti sulle cause dell'incendio e i residenti del centro storico non carrabile più grande d'Europa sono convinti che l'episodio sia collegato ad altri quattro atti vandalici. L'attività commerciale che si trova in piazza della Vittoria era già stata colpita qualche mese fa, quando qualcuno appiccò il fuoco a delle pedane esterne al locale. Ieri un altro danno.
Verso le cinque del mattino il locale era chiuso da ore. Non c'era nessuno in giro. Intorno alle 5.20 un residente che stava andando a lavoro si è accorto che il fuoco stava bruciando la porta in legno del pub e ha chiamato i soccorsi. L'autobotte dei Vigili del fuoco di Colleferro è arrivata ad Artena verso le 5.40 e a fatica è riuscita ad avvicinarsi al luogo dell'incendio. Lungo via Garibaldi, la strada che porta alla parte antica della città, le automobili erano parcheggiare in malo modo e il camion non è riuscito a girare l'ultima curva. Quindi l'autobotte si è dovuta fermare a una quarantina di metri dal locale e il personale di soccorso ha allungato i tubi per spegnere l'incendio.

Narni, il Comune chiude la Strada di Granaccioli. Dopo l'incendio pericolo caduta massi

Il caso di ieri mattina, infatti, non è isolato. A gennaio fu dato fuoco a degli scatoloni messi fuori da un'abitazione. Le fiamme bruciarono parzialmente l'uscio di legno e il fuoco si spense da solo prima di arrivare al vicino contatore del gas. Qualche settimana più tardi, a febbraio, un'altra porta fu attaccata dalle fiamme in via XX settembre. Alla fine di aprile il terzo incendio con la stessa dinamica del primo: nella notte fu ridotta in cenere l'immondizia di un'attività commerciale, messa vicino a un portone. Gli altri due episodi riguardano il pub sulla piazza, che da ieri sta contando i danni. Un sesto rogo, infine, ha riguardato le sterpaglie esterne al centro storico e ha alzato il livello di allerta dei residenti perché, per la prima volta, il personale di soccorso è stato in difficoltà con gli idranti e i parcheggi selvaggi. Dopo un controllo degli impianti antincendio fatto fare dal Comune, ieri i Vigili del fuoco hanno esaminato tutti gli idranti e la pressione di alcuni punti-presa è risultata bassa. Intanto i residenti si chiedono se dietro tutti i roghi ci sia la stessa mano e confidano nelle due telecamere comunali messe in piazza. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA