Roma, appartamento di univeristari trasformato in centrale dello spaccio: arrestato studente

Sabato 28 Novembre 2020

Vengono a Roma per studiare e arrotondano con qualche lavoretto. Quando si dice, le "nuove frontiere" dello studio e lavoro. Così può capitare che un appartamento di studenti universitari venga anche trasformato in centrale per lo spaccio di droga. Lo hanno scoperto i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Roma Parioli che, nel corso di un controllo, hanno fermato e arrestato per droga uno studente universitario di 21 anni, della provincia di Avellino.

«A 19 anni spacciavo cocaina a quelli di 14 Finita in overdose alla festa per la maturità»

Alcol e droga al rave nell'università: in duemila per l'evento illegale

Rave abusivo alla Sapienza, morto il giovane che ha scavalcato i cancelli: Bufera sull'ateneo romano

In particolare, in via Giovanni Da Procida, nei pressi di piazza Bologna, alla vista dei militari il giovane è apparso subito spaventato. Il ragazzo, infatti, al termine di una perquisizione personale, è stato trovato in possesso di un pezzetto di hashish. Da qui è scattata la perquisizione anche presso la sua abitazione, in via Ludovico, dove, all'interno della sua stanza da letto, sono stati trovati 200 grammi di marijuana in una borsa computer; 0,3 grammi di marijuana in un barattolo; 27 grammi di hashish in un involucro in plastica. Inoltre, 2.140 euro in contanti, un bilancino, un coltellino e materiale per il confezionamento delle dosi.

Alla luce di quanto rinvenuto, lo studente è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio. Nel medesimo contesto, a causa del forte odore di sostanza stupefacente, i carabinieri hanno esteso la perquisizione anche ad altre 3 stanze da letto dello stesso appartamento che il 21enne condivideva con altri studenti fuori sede e anche qui è stata trovata altra droga.

In particolare un altro 21enne, della provincia di Frosinone, è stato denunciato per la detenzione di 21,5 g di marijuana. Altri due studenti coetanei, uno della provincia di Frosinone e uno della provincia di Ascoli, sono stati segnalati al Prefetto perchè trovati in possesso di modesti quantitativi per uso personale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA