Omicidio Anzio, Leonardo Muratovic (26 anni) ucciso dopo lite tra due gruppi in un locale. Fatale una coltellata

Il giovane è stato accoltellato all’addome pochi minuti prima delle 2 al culmine di una lite iniziata in un locale e poi proseguita in strada dove si è consumata la tragedia

Omicidio Anzio, Leonardo Muratovic (26 anni) ucciso con una coltellata dopo una lite nella zona della movida
di Ivo Iannozzi
3 Minuti di Lettura
Domenica 17 Luglio 2022, 08:11 - Ultimo aggiornamento: 18 Luglio, 11:38

Movida violenta ad Anzio dove la scorsa notte Leonardo Muratovic, un ragazzo di 26 anni, residente ad Aprilia, è stato accoltellato a morte sulla riviera Mallozzi Ponente, che è la zona dove la sera si raccolgono migliaia di giovani. Il ragazzo è stato accoltellato all’addome pochi minuti prima delle 2 al culmine di una lite iniziata in un locale e poi proseguita in strada dove si è consumata la tragedia. Immediatamente soccorso, il ragazzo è stato trasferito in ospedale ad Anzio dove dopo pochi minuti è morto, nonostante i tentativi dei medici del pronto soccorso di salvargli la vita. Sull’episodio indagano il commissariato di polizia di Anzio e la squadra mobile di Roma. Leonardo Muratovic faceva il pugile.

 

La dinamica dell'omicidio di Leonardo

La Procura della Repubblica di Velletri che coordina le indagini sull’omicidio del venticinquenne Leonardo Muratovic, ucciso a coltellate la scorsa notte sulla riviera di Ponente ad Anzio, ha disposto il sequestro del locale la Bodeguita. La decisione è stata presa per ricostruire tutti i passaggi che hanno portato all’omicidio. La lite tra due gruppi di ragazzi era infatti iniziata nel locale che si trova sulla spiaggia e poi era degenerata sulla riviera con l’accoltellamento del 26enne di Aprilia. Secondo quanto hanno ricostruito gli investigatori, il giovane era insieme alla fidanzata e ad altri amici nel locale sulla spiaggia quando è scoppiata una lite con altri ragazzi per motivi in corso di accertamento.

Torino, ucciso in strada da un 20enne per «una sigaretta»: Augusto Bernardi aveva 56 anni. L'assassino: «Mi sono rovinato la vita»

La lite è proseguita sulla riviera

La situazione stava degenerando e a quel punto i due gruppi sono stati allontanati dalla security. La lite è quindi proseguita sulla riviera dove è sfociata in tragedia: la vittima e un suo amico sarebbero stati isolati e accerchiati da più giovani che li hanno colpiti a calci e pugni. E proprio in quel frangente è stata sferrata la coltellata mortale che ha raggiunto Leonardo all’addome. Un solo fendente, ma letale. Il feritore e gli altri ragazzi sono quindi fuggiti, lasciando la vittima in una pozza di sangue. Quando gli operatori del 118 sono arrivati sulla riviera Mallozzi, le condizioni del ragazzo erano disperate. Il trasferimento al pronto soccorso dell’ospedale di Anzio è stato inutile: il ragazzo è morto pochi minuti dopo il ricovero. Sono stati ascoltati negli uffici del commissariato di polizia di Anzio decine di testimoni, tra i quali la fidanzata della vittima, per cercare di dare un volto a chi ha sferrato la coltellata mortale. La polizia scientifica ha anche acquisito le registrazioni del sistema di videosorveglianza della zona in cui si è verificato l’omicidio, che potrebbero risultare utili per arrivare all’assassino.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA