Roma, 'ndrangheta e politica: nell'ordinanza fari accesi su elezioni, appalti e intimidazioni. E spunta anche Diabolik

Roma, 'ndrangheta e politica: tra appalti e intimidazioni, le mani delle 'ndrine sul litorale
6 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Febbraio 2022, 19:03 - Ultimo aggiornamento: 19:07

Le elezioni amministrative, gli appalti, il business dei rifiuti. La 'ndrangheta si è fatta scappare pochi affari sul litorale romano, vera terra di conquista di 'ndrine di «primissimo piano». Una «colonizzazione» del territorio che è passata anche attraverso l'infiltrazione delle amministrazioni locali con l'obiettivo di mettere le mani sul ricco business dello smaltimento dei rifiuti. Un sistema illecito pervasivo che emerge dalla maxindagine della Dda di Roma che oggi ha portato all'arresto di 65 persone accusate anche di associazione a delinquere di stampo mafioso. Due distinti gruppi criminali, distaccamenti delle 'ndrine di Santa Cristina d'Aspromonte in provincia di Reggio Calabria e di Guardavalle in provincia di Catanzaro, che da anni hanno aggredito il territorio utilizzando come grimaldello il narcotraffico.

Greta Gila, modella in galera a Civitavecchia da innocente: è stata scambiata per un narcos

Nella primavera del 2018, utilizzando consolidati canali con il Sud America, sono stati circa 258 i chilogrammi di cocaina fatti arrivare a Roma e l'obiettivo era di farne arrivare, utilizzando addirittura un veliero, altri 500 kg. Grazie ai proventi dello spaccio su larga scala, le cosche hanno finanziato le loro attività oliando anche funzionari pubblici e utilizzando l'apporto di uomini delle forze dell'ordine infedeli: tra gli arrestati ci sono anche due carabinieri accusati di avere rivelato notizie coperte da segreto. Proprio oggi i carabinieri del Nucleo Investigativo della Capitale hanno effettuato una serie di perquisizioni negli uffici dei comuni di Anzio e Nettuno con l'obiettivo di acquisire ulteriori documenti che dimostrino contiguità tra gli uomini dei clan e gli amministratori locali in un rapporto che il gip definisce «solido».

«Per quello che abbiamo raccolto in questi anni - spiega uno degli inquirenti - c'è già materiale per un intervento del prefetto della Capitale». Quest'ultimo sta analizzando le carte trasmesse da piazzale Clodio per avviare, eventualmente, le procedure che potrebbero portare allo scioglimento per infiltrazione mafiosa come già avvenuto, nel 2005, per Nettuno. Dall' ordinanza di oltre 1.300 pagine del gip emergono i rapporti opachi tra la politica locale e le cosche.

I 4 superlatitanti: Matteo Messina Denaro, Giovanni Motisi, Renato Cinquegranella e Attilio Cubeddu

Roma, spari davanti a una scuola: ma a Casal Bruciato nessuno li sente

Amministrative a Nettuno e Anzio 

Nelle elezioni amministrative del 2018 gli affiliati si sono spesi per fare eleggere Candido De Angelis (non indagato nel procedimento). «Ieri abbiamo vinto le elezioni», dice uno degli indagati intercettato. «Il sostegno si è concentrato nella località denominata Falasche, corrispondenti alle sezioni 15-16-17 del comune di Anzio», scrive il gip Livio Sabatini. Il giorno dopo la vittoria di De Angelis vengono captate «tre conversazioni di eccezionale valore probatorio rivelatrici del sostegno offerto dalle famiglie calabresi in favore di De Angelis» sottolinea il gip. «Ha sbancato proprio su tutti»; «Io so qui alle Falasche ancora. Da ieri che sto qua, stiamo spogliando l'ultimo seggio…»; «Candido è il sindaco, ha vinto e basta!».

Anche a Nettuno le cosche hanno cercato di orientare le elezioni del 2019. Per il gip «emerge la contiguità» di alcuni dei principali indagati «con vari esponenti politici» di Nettuno. In occasione delle elezioni comunali uno degli affiliati si era «attivato per convogliare i voti» su uno dei consiglieri eletti nella lista del sindaco Alessandro Coppola, anche lui non indagato. In una conversazione Giacomo Madaffari, ritenuto capo di una delle due organizzazioni, «rivendicava la sua amicizia con il sindaco di Nettuno Coppola e manifestava il rischio che sarebbe disceso dall'accostamento della sua persona a quella di Coppola», scrive il gip rimandando a un'intercettazione: «Ci arrestano ... e...cacciano pure Coppolà».

Per il gip, infine, «le intercettazioni dimostrano che i componenti della locale di 'ndrangheta si sono anche avvalsi della forza di intimidazione derivante dall'appartenenza al vincolo associativo per l'ottenimento degli appalti». In un dialogo uno degli indagati ricorda di aver minacciato un uomo aggiudicatario di un appalto per la manutenzione delle scuole. «E com'è che stai a fare le scuole ad Anzio? - si legge - È il primo intervento che fai? Ecco, dico, basta! Devi venire te da Aprilia a fare il malandrino ad Anzio» e lui mi ha risposto: «perché ad Anzio che c'è la mafia?».

Roma, colpo alle 'ndrine sul litorale di Roma: 65 arresti per droga e infiltrazioni mafiose

Roma, in atto sgombero case occupate dai clan di 'ndrangheta: trovato un bunker

Spuntano anche legami con Diabolik 

La «riconosciuta autorità criminale del sodalizio» emerge anche dal fatto che «un ristoratore di Anzio» vittima di un'estorsione, e il suo socio occulto Fabrizio Piscitelli, alias Diabolik (ucciso il 7 agosto del 2019 nel parco degli Acquedotti, ndr.), si erano rivolti «al gruppo» per cercare aiuto e sostegno. Lo scrive il gip di Roma Livio Sabatini nell' ordinanza di custodia cautelare.

Il ristoratore «già conosceva Bruno Gallace ed era sì legato al punto da organizzare la festa di compleanno della figlia di quest'ultimo all'interno del suo locale in modo gratuito in segno di riverenza (20 giugno 2019 "omaggio nostro") - si legge - La vicenda testé esaminata risalta l'autorità criminale del locale di 'ndrangheta sul territorio: invero, l'estrema particolarità dell'estorsione con il coinvolgimento di terze persone che avevano agito nonostante fossero a conoscenza della cointeressenza di Fabrizio Piscitelli e la richiesta di intervento formulata dallo stesso Piscitelli recatosi al cospetto di Bruno Gallace nonché la richiesta di aiuto rivolta «dal ristoratore socio occulto di Diabolik» a Gregorio Spanò evidenziano la notorietà del locale di 'ndrangheta ed il riconosciuto potere di controllo esercitato «sul litorale romano. Una degli arrestati, Francesca Romagnoli, convivente di Bruno Gallace» esternava il suo disappunto per la condotta del ristoratore e di Piscitelli («con questi vai a fà le cose ma poi porti la gente a fà le prepotenze ad Anzio?»). Un altro arrestato, finito in carcere «giudicava avventato il comportamento di Piscitelli il quale, gravato dalla misura di sorveglianza personale si era recato ad Anzio creato una situazione pericolosa ('tu c'hai la sorveglianza, vai in un posto e vai a fà casino?')».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA