Microchip per gatti e iscrizione all'anagrafe obbligatoria: tutor al posto delle gattare

Martedì 12 Marzo 2019
1
Microchip per gatti e iscrizione all'anagrafe: tutor al posto delle gattare
La commissione capitolina Ambiente ha dato parere favorevole al nuovo Regolamento capitolino per la Tutela e il Benessere degli animali che ora continua il suo iter amministrativo verso la discussione in aula Giulio Cesare. Le nuove norme aggiornano il precedente Regolamento approvato nel 2005 e introducono una serie di novità volte a recepire i mutamenti intervenuti negli ultimi 14 anni, proponendo nuove soluzioni di corretta convivenza tra gli uomini e gli animali.

Tra le misure inedite più rilevanti spiccano: l'obbligo di microchip per i gatti di proprietà e la contestuale iscrizione all'anagrafe degli animali di affezione, il divieto di far esplodere petardi in presenza di animali, la promozione di un progetto mirato al riconoscimento delle persone senza fissa dimora che convivono con i propri animali e non li sfruttano a fini di accattonaggio, l'obbligo per il Comune di operare campagne di sensibilizzazione per il possesso responsabile degli animali e l'applicazione di microchip.


LE ALTRE PRESCRIZIONI
Altre prescrizioni disciplinano l'attendamento dei circhi, l'utilizzo di mezzi ecosostenibili e alternativi ai mezzi a trazione animale, la protezione degli habitat esistenti e la creazione di nuovi habitat nelle aree verdi pubbliche. La nuova normativa, infine, inasprisce il regime sanzionatorio a carico delle accumulatrici seriali e introduce la figura di 'tutor', che saranno riconoscibili attraverso un apposito tesserino e che si occuperanno del benessere dei felini a titolo gratuito in luogo delle "gattare". 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’incubo di vivere per 34 ore sulla barella al pronto soccorso

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma