Anguillara, il sito del Comune sponsorizza i No Green pass. Ma il sindaco: «Non ne so nulla»

Sul portale spunta una raccolta firme contro la carta verde

Anguillara, sito del Comune sponsorizza i No Green pass
di Chiara Rai
5 Minuti di Lettura
Martedì 26 Ottobre 2021, 08:13 - Ultimo aggiornamento: 10:15

È giallo su una iniziativa contro il Green pass apparsa sul sito del Comune di Anguillara Sabazia, 19 mila abitanti a Nord di Roma, da un anno governata da una giunta di centrodestra, guidata dall'avvocato Angelo Pizzigallo in quota Lega, figlio del medico pediatra della Città Antonio Pizzigallo, in prima linea per sostenere le vaccinazioni. Raccolta firme Referendum No Green pass è il titolo di un avviso pubblicato in bellavista sul sito istituzionale del Comune di Anguillara. Un referendum passato in sordina fino a quando non è apparso questo avviso in evidenza sul sito di un Comune alle porte di Roma.

No green pass, il caso referendum ad Anguillara

 

E sorgono diverse domande, una tra tutte: la pubblicazione è frutto di uno spinto scrupolo di trasparenza amministrativa o c'è una linea che in qualche modo viene dettata e condivisa?
FIRMATARI
Pubblicità a parte sono risultati sei in tutto i residenti della cittadina sul lago a Nord di Roma che hanno risposto all'appello e firmato contro il Green pass, certificazione verde Covid-19 che attesta la doppia vaccinazione e per cui il Governo ha esteso l'obbligatorietà dal 15 ottobre e fino al 31 dicembre.

G20 a Roma, i No Green pass e gli antagonisti: patto violento in chat

L'avviso, comparso l'11 ottobre scorso ha promosso una raccolta firme presso l'ufficio anagrafe del Comune sabatino, avvenuta il 15 ottobre, data di entrata in vigore dell'obbligo del Green pass, dalle ore 9 alle ore 12. Nonostante la comunicazione diffusa sul portale del Comune, con all'attivo news e aggiornamenti quasi all'ordine del giorno, la risposta di 6 persone su quasi 20 mila abitanti ne ha comunque decretato un clamoroso flop. Dell'avviso, il sindaco Pizzigallo sembra saperne poco o quasi nulla, persino su chi abbia promosso la raccolta: «Non so chi siano - dice - ma non penso siano cittadini di Anguillara Sabazia. Anche perché l'iter è abbastanza arduo. Noi non abbiamo abbracciato nessuna iniziativa ma soltanto pubblicato sul sito del Comune come previsto e come fatto per altri referendum. Il problema è che le news restano in prima pagina fin quando l'inserimento delle nuove non le sposta indietro». Tradotto: non so chi siano ma le abbiamo pubblicate e sono in evidenza perché non sono state ancora sostituite da nuove news. Ma il caso di Anguillara non va letto tanto per l'esecuzione materiale di raccolta firme che è un servizio cui i Comuni sono tenuti a rendere alla cittadinanza quanto per la scelta di dare visibilità all'iniziativa.

Scontri Roma, Lamorgese: «Respingo le accuse di strategia della tensione. Blitz Cgil in 8 minuti»


SCELTE DIVERSE
Di fatti, lo stesso avviso non è in evidenza sui portali web dei Comuni limitrofi ad Anguillara, sebbene la comunicazione sia arrivata anche ai paesi vicini. Solo Formello, giunta civica con orientamento di centrodestra, ne dà pubblicazione non tanto evidente. A Sacrofano il referendum è arrivato per l'autenticazione, il segretario ha autenticato il registro e i moduli saranno resi disponibili presso l'ufficio anagrafe. Trevignano non ha pubblicato l'avviso ma l'anagrafe sicuramente ha tenuto a disposizione i moduli fino a qualche giorno fa. Canale Monterano è molto chiaro in proposito: «Siamo tenuti a mettere a disposizione il materiale - dice il sindaco Alessandro Bettarelli - per la raccolta firme ma non è obbligatorio pubblicarlo tra le notizie in evidenza del nostro comune». La richieste di referendum abrogativo in questione comprese di quesiti referendari sono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del 17 settembre 2021. I proponenti sono studenti, cittadini comuni, professori universitari e altri.
L'ITER
Quando i Comuni ricevono i moduli per aderire al referendum devono metterli a disposizione presso l'ufficio anagrafe per un determinato lasso di tempo. Il comitato organizzativo del referendum no Green pass è composto da tre persone: l'avvocato Olga Milanese del foro di Salerno, Il professor Luca Marini docente di diritto internazionale alla Sapienza di Roma e il professor Francesco Benozzo docente di filologia romanza all'Università di Bologna. Al Comune di Anguillara, il vicesindaco è informato su chi sia il promotore della raccolta firme: «Dall'anagrafe dice la vice Paola Fiorucci mi riferiscono che i moduli per la raccolta firme contro il Green pass sono stati trasmessi da Luca Marini».

 

Il sindaco Pizzigallo, aggiunge: «Abbiamo fatto la stessa cosa per il referendum eutanasia - chiarisce - da parte nostra nessuna vicinanza al No Green pass. Il sito del Comune non è gestito dalla parte politica ma da quella amministrativa. Credo sia arrivata una richiesta e l'anagrafe ha provveduto come per gli altri. Il comune di Anguillara rispetta tutte le indicazioni delle linee guida ministeriali». Oltre Anguillara hanno pubblicato lo stesso avviso sui portali istituzionali i Comuni di Viterbo, Bergamo, Cusano Milanino, Comacchio, Giavonno, Bardonecchia, Riccione e altri. Un dato è certo: nonostante gli avvisi agli utenti, l'aderenza non è stata così evidente.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA