Roma, dati falsi nel curriculum per essere assunti in Ama

Roma, dati falsi nel curriculum per essere assunti in Ama
di Lorenzo De Cicco
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 20 Gennaio 2021, 00:50

La partita per acciuffare il posto fisso all’Ama è alla prima mano ma qualcuno, tra gli oltre 60mila aspiranti netturbini, ha calato sul tavolo carte false: annotando nel curriculum esperienze di lavoro pregresse di cui però, dopo i primi controlli, non si è trovata traccia. La società dei rifiuti maneggia la pratica con estrema cautela, visti anche i precedenti, vedi la Parentopoli del 2010 con strascichi vari giudiziari e contabili. Tutti i faldoni con domande e curricula stanno per finire sulla scrivania della commissione esaminatrice. Ma alcune verifiche preliminari sono già partite, come quella sulle esperienze dichiarate da chi si è candidato come operatore ecologico «qualificato». Per schizzare in cima alla lista servono appunto «qualifiche», contratti di lavoro maturati negli anni passati, sempre nel settore della raccolta del pattume. Per decine di candidati, una volta incrociato il codice fiscale riportato nella domanda con la banca dati della Regione, queste esperienze non sono saltate fuori. Addirittura a qualcuno non ne risultava nemmeno una. Uno svarione nella compilazione del codice fiscale o un clamoroso bluff per accaparrarsi un posto blindato in una partecipata pubblica al 100 per cento? Lo stabilirà il pool di esperti che dovrebbe insediarsi nelle prossime ore. Certo è che nei fogli spediti in risposta dalla Pisana, per diversi nomi i conti non tornano. E Ama vuole vederci chiaro.

LEGGI ANCHE Roma, ecco i nuovi centri Ama. Ma è subito rivolta: «Alcuni vicino alla Asl»

IL CONCORSONE
La società dei rifiuti del Comune di Roma, 7.497 dipendenti, un tasso di assenteismo sopra il 15% (addirittura sopra il 20% nei primi due trimestri del 2020), quest’anno conta di arruolare 300 tra operai, netturbini e addetti dei cimiteri. In tempi pandemici, con migliaia di attività sbalestrate dalla crisi e decine di migliaia di lavoratori a cui non è stato rinnovato il contratto (senza contare quelli in cassa integrazione), il lavoro a tempo indeterminato in una società comunale fa gola. C’è la corsa anche perché il maxi arruolamento sta partendo, grazie al lavoro di risanamento dell’au Stefano Zaghis, dopo un decennio di assunzioni congelate. Per dire: alcune selezioni interne, come quella dei capi operai, non si vedevano da quasi vent’anni. Nel quartier generale di via Calderon de la Barca sono arrivate oltre 60mila domande, quanti sono gli abitanti di Cosenza o Matera. «C’è la crisi e il posto fisso non tramonta mai, Checco Zalone docet», scherza (ma non troppo) un sindacalista che ne ha viste di tutti i colori, Alessandro Bonfigli, della Uil. 

LA CORSA
Il grosso degli aspiranti netturbini, circa 40mila candidati, spera di strappare un contratto da operaio «generico», in palio ce ne sono 100. In questo caso si pescherà dai centri dell’impiego, con precedenza a chi ha più figli a carico, oltre alla patente B. Il curriculum in questo caso conta zero. Serve invece per scalare il ranking dell’altra selezione, quella per il posto, sempre a tempo indeterminato, da operatore «qualificato». Qui i contratti da aggiudicare sono 125, a fronte di 3mila candidati. Più è consistente l’«anzianità nella mansione», più si guadagnano posizioni. Ma non basta scarabocchiare qualche foglio: l’esperienza dev’essere vera e soprattutto dimostrabile. Altrimenti il sorpasso truccato in graduatoria, si spera, durerà poco. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA