ROMA

Roma, sparatoria a Casal Bruciato: agguato sotto casa, 48enne ferito a colpi di pistola

Lunedì 28 Ottobre 2019 di Marco De Risi
Casal Bruciato, agguato sotto casa: 48enne ferito a colpi di pistola

Un vero e proprio agguato, iniziato nell'androne di un palazzo in via Diego Angeli 147, a Casal Bruciato, e finito sulla rampa delle scale. A terra, colpito da tre proiettili, Maurizio Mattiozzi, 48 enne romano già noto alle forze dell'ordine, per essere stato coinvolto in altre vicende giudiziarie in passato, e molto conosciuto nella zona. Altri 12 bossoli sono stati recuperati dagli investigatori. Sono le 21.45, la vittima è in strada e sta tornando a casa quando in tre, forse quattro persone, lo raggiungono. Uno ha in pugno una pistola e fa fuoco tre volte facendo sobbalzare gli inquilini degli stabili in strada. Mattiozzi riesce inizialmente a fuggire, trovando temporaneo riparo sotto l'androne del palazzo, ma il gruppo di aggressori lo insegue fino a raggiungerlo, prima che l'obiettivo del commando riuscisse a raggiungere la propria abitazione.

Luca Sacchi, i pusher al pub su appuntamento: si indaga sulla rete dello spaccio
Luca Sacchi, la fidanzata non convince: «Arrivò dopo lo sparo»
 

Mattiozzi viene raggiunto da quattro proiettili: due alla pancia, uno a un braccio e l'altro a una gamba. Al momento di sparare il colpo di grazia, però, la pistola si inceppa: i familiari fanno in tempo a chiamare i soccorsi, mentre il gruppo si dilegua. Sul posto si precipitano due ambulanze, una dalle quali porta in codice rosso la vittima al pronto soccorso dell'ospedale Pertini, dove l'uomo è ora ricoverato in condizioni gravissime. Le volanti della polizia a sirene spiegate rompono il silenzio della domenica sera e sfrecciano sulle viuzze del quartiere nel tentativo di rintracciare il killer e i suoi sodali. Le ricerche sono ancora in corso, con gli investigatori della squadra mobile della Questura che stanno passando al setaccio il mondo della malavita per trovare la pista giusta.

A pochi passi dall'agguato di ieri sera, quattro anni fa un omicidio aveva scosso il quartiere di Casal Bruciato. Otto colpi di pistola non hanno lasciato scampo a Stefano Civita, di 45 anni, colpito poco prima della mezzanotte, quando la vittima è stata raggiunta dai proiettili mentre si trovava davanti un bar in piazza Riccardo Balsamo Crivelli, all'angolo con via Zampieri. Poco dopo è morto di via dei Monti Tiburtini a causa dei colpi che lo hanno colpito al collo, all'addome, alla scapola destra, alla superficie laterale dell'emitorace destro ed al polmone sinistro.

Ultimo aggiornamento: 12:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma