Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Agenzia antiriciclaggio Ue all'Eur, Raffaele Cantone: «Un riconoscimento anche per l’Italia»

Il procuratore capo di Perugia: "Portare qui l'autorità è utile e avrebbe un alto valore simbolico"

Agenzia antiriciclaggio Ue all'Eur, Raffaele Cantone: «Un riconoscimento anche per l Italia»
di Francesco Pacifico
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Luglio 2022, 00:11

«Portare a Roma la sede della futura agenzia europea antiriciclaggio sarebbe un doppio riconoscimento per l’Italia: intanto, perché siamo il Paese che in questo campo ha prodotto la normativa più avanzata a livello internazionale. Eppoi, ma vorrei dire soprattutto, perché siamo il Paese della lotta alle mafie». Parola di Raffaele Cantone, oggi procuratore capo a Perugia, in passato alla guida dell’Anac, l’autorità nazionale anticorruzione, e in prima linea nella lotta ai Casalesi e agli altri clan camorristici di Napoli Nord e del Casertano, come inquirente di punta della direzione distrettuale antimafia partenopea.

Procuratore Cantone, lei parla di un riconoscimento, ma fino a qualche anno fa l’Italia era sinonimo di mafia.
«Oggi non è più così: nei Paesi dei Balcani per esempio, ci sono aule dedicate a Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Al di là dell’utilità concreta di questa autorità, la scelta dell’Italia ha un fortissimo valore simbolico: noi eravamo la nazione con la maggiore rilevanza mafiosa forse nel mondo; dal 1992 siamo diventati il Paese dell’Antimafia, che dalle stragi in poi ha fatto uno scatto in avanti importantissimo in termini culturali e operativi. Ha individuato best practies sia nel campo della prevenzione sia in quello della repressione alle mafie. Pezzi della nostra legislatura sono stati ripresi da altri governi. Per il lavoro fatto, sì, ci meritiamo questo riconoscimento».

Petrolio, Citi prevede tonfo dei prezzi con recessione

I promotori della candidatura romana segnalano anche che l’Italia è all’avanguardia per la legislazione antiriciclaggio.
«Intanto siamo il Paese che, prima degli altri, ha recepito tutte le direttive in questo campo. Ma abbiamo anche introdotto delle modalità di controllo che vengono prese a modello».

Per esempio?
«Già prima del 1992 abbiamo iniziato sulla tracciabilità bancaria. Ed è tra i migliori al mondo il livello delle segnalazioni alle autorità inquirenti che arrivano dai nostri istituti finanziari sui casi di riciclaggio e sulle operazioni sospette: oltre a essere circostanziate, sono tantissime. Abbiamo una polizia economico-finanziaria, la Guardia di finanza, con sua specificità, oltre a organismi come l’Uif (l’Unità di informazione finanziaria di Bankitalia) e l’Anac, con il suo lavoro anche sul fronte preventivo contro la corruzione». 

Risultato?
«In questa materia abbiamo un know how che non è paragonabile a quello di altri Paesi. Così si è creato un sistema di alert, con professionisti esperti e norme calate nella realtà, che vanno oltre la fase prettamente giurisprudenziale e non si soffermano soltanto sulla criminalità organizzata. E non è un caso se in Italia i processi per riciclaggio sono numerosi. 

Mercati europei positivi. Wall Street chiusa per Independence Day

Perché si deve scegliere Roma?
«Personalmente preferisco dire: perché l’Italia. Ma un organismo del genere può nascere solo qui: Roma non sarà la Capitale finanziaria del Paese, ma qui - oltre al valore simbolico - ci sono i ministeri, la Banca d’Italia, l’Anac, la Dna e tutti quei collegamenti che possono rafforzare il ruolo di un’autorità che avrà un campo d’azione internazionale».

Per l’Italia e per la Capitale è soltanto una questione di prestigio?
«Assolutamente no. La nostra legislazione sull’antiriciclaggio è all’avanguardia, lo abbiamo detto. Ma adesso bisogno guardare a questi fenomeni in un’ottica più internazionale. E la grande esperienza nazionale spesso si scontra con tutti i paletti di natura transnazionale: se l’Italia o la Francia provano a ragione con Hong Kong sulle criptovalute possono poco, se lo fa un organismo internazionale come questa autorità le cose cambiano. Aspettiamo il regolamento della Commissione, ma spero che questo organismo abbia poteri inquirenti concreti e possa essere l’interfaccia tra i diversi Paesi che manca in questo campo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA