Afghanistan, Biden: «Via il 31 agosto». Stretta dei Talebani: voli solo per gli stranieri

Afghanistan, Biden: «Via il 31 agosto». Stretta dei Talebani: voli solo per gli stranieri
di Marco Conti
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 25 Agosto 2021, 00:00

I talebani non intendono concedere deroghe e vogliono che i rimpatri terminino entro il 31 agosto. Il presidente Usa Joe Biden sembra adeguarsi senza troppe proteste. Ha voglia di chiudere quanto prima il capitolo-aghano anche per l’allarme terrorismo arrivato dal Pentagono, contrario a un proseguimento della missione che espone 5 mila soldati americani.

Afghanistan, Biden resiste a pressioni G7: «Ritiro il 31 agosto». I talebani: «Non diamo la caccia a nessuno»

E così il G7, malgrado le promesse della vigilia, si conclude con una presa d’atto sulla data e l’auspicio che i talebani permettano le uscite volontarie anche dopo il 31 agosto. «La condizione numero uno è che essi garantiscano un corridoio sicuro», sottolinea il presidente di turno del G7, l’inglese Boris Johnson. D’altra parte in Afghanistan ci sono - oltre ai militari - ancora migliaia di americani da evacuare ed è per questo che Biden ha assicurato, durante la riunione di aver chiesto al Pentagono di predisporre piani di emergenza, pronti a scattare se sarà necessario restare anche dopo la fine del mese. Come rivelato dal Washington Post, lunedì - in gran segreto - il capo della Cia William Burns è stato mandato da Biden a Kabul per discutere con Abdul Ghani Baradar, leader di fatto dei talebani, modalità e tempi di una evacuazione che continua ad essere caotica. Dopo l’ultimatum i talebani hanno anche detto a chiare lettere che non permetteranno più l’ingresso nell’aeroporto Hamid Karzai agli afghani che intendono fuggire. «Ora basta andare via. Abbiamo chiesto agli americani di non incoraggiarli, ci servono le loro competenze», ha sostenuto in conferenza stampa il portavoce della milizia islamica Zabihullah Mujahid. Fallito il negoziato, Biden ha quindi confermato agli alleati la data del 31, ribadita dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio («noi andremo via quando se ne andranno gli Usa») durante l’audizione nella quale, con il contributo del ministro della Difesa Lorenzo Guerini, si è fatto il punto della situazione in Afghanistan.

Afghanistan, Didier Leschi: «Gli americani andranno via alla fine della settimana, in Francia già 1.200 afghani»

LE CONDIZIONI
Una scelta obbligata. Anzi, i trasferimenti condotti dagli alleati cesseranno anche prima del 31 proprio per dar tempo ai soldati americani, che sono a protezione dell’aeroporto, di lasciare il campo. Nel comunicato finale del G7 si prende quindi atto della situazione e si chiede ai talebani di garantire «un corridoio sicuro» a tutti quelli che vorranno partire anche dopo il 31 agosto, afghani compresi. «Conditio sine qua non», come la chiama il premier inglese, per avviare qualunque tipo di dialogo tra l’Occidente e i nuovi governanti di Kabul, anche se la presidente della commissione Ue Ursula von der Leyen ha chiarito che al momento non si parla di un possibile riconoscimento del nuovo governo afghano. Sulla necessità di mantenere «canali di contatto anche dopo il 31 agosto», si è espresso nella riunione del G7 anche Mario Draghi. «Inoltre dobbiamo assicurare, sin da subito, - ha continuato - che le organizzazioni internazionali abbiano accesso all’Afghanistan anche dopo questa scadenza».

Il presidente del Consiglio ha anche detto che l’Italia destinerà le stesse risorse impegnate per la missione militare agli aiuti umanitari ed è tornato a proporre il G20, di cui l’Italia ha la presidenza. «Il G20 può aiutare il G7 nel coinvolgimento di altri Paesi che sono molto importanti perché - sostiene Draghi - hanno la possibilità di controllare ciò che accade in Afghanistan: la Russia, la Cina, l’Arabia Saudita, la Turchia e l’India». E che un G20 straordinario sulla situazione afghana non sia solo un’ipotesi, lo conferma il presidente del Consiglio Ue Charles Michel: «Il presidente del G20 Draghi sta pianificando un’iniziativa nel quadro» di questo formato «e anche noi pensiamo che occorra parlare con altri membri della comunità internazionale». Draghi si muove però con prudenza anche per non compromettere l’accordo su clima e fisco globale che ad ottobre, nella sessione ordinaria del G20, dovrebbe chiudere con successo la presidenza italiana.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA