Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Paura a Tor San Lorenzo, vasto incendio a Lido delle Salzare: case lambite dalle fiamme, gente imprigionata sui balconi

Paura a Tor San Lorenzo, vasto incendio a Lido delle Salzare: case lambite dalle fiamme, gente imprigionata sui balconi
di Giovanni Salsano
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 20 Luglio 2016, 19:36 - Ultimo aggiornamento: 21 Luglio, 20:20

Pomeriggio di fuoco oggi a Tor San Lorenzo, dove un incendio è divampato intorno alle 15,30 nel complesso edilizio Lido delle Salzare, in via Ancona, laddove abitano fianco a fianco, in una nervosa e forzata convivenza, i residenti delle palazzine regolari e gli occupanti dell'ultimo edificio da demolire, la palazzina D. E sono cartoline da brividi quelle che arrivano dal comprensorio: fumo, nero, denso che avvolge le case, e le fiamme, alte, che spaventano gli abitanti, scesi in strada a vedere quanto accadeva, ma che non sono stati fatti evacuare dagli appartamenti. Per fronteggiare e domare le fiamme, subito dopo che è scattato l'allarme, e hanno lavorato per diverse ore, sono giunti i vigili del fuoco dalla vicina Pomezia, coadiuvati dai volontari della protezione civile Airone di Tor San Lorenzo e dai carabinieri della Compagnia di Anzio. La situazione è stata sempre sotto controllo.
 

 


A bruciare, tuttavia, non sono state le solite sterpaglie - come accaduto e ancora accade da altre parti del territorio - ma cumuli di rifiuti e immondizia (tra cui anche copertoni e carcasse di automobili) che compongono le diverse discariche a cielo aperto che infestano il "Lido delle Salzare", da tanti anni centro di degrado e teatro di illegalità e reati (tra cui omicidi, tentati omicidi, spaccio di droga e prostituzione). Qui, il Comune di Ardea è intervenuto con forza demolendo tre intere palazzine abusive, occupate e sgomberate ciclicamente da italiani e stranieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA