Ariccia, inaugurato il nuovo ospedale dei Castelli Romani

E' stato inaugurato questa mattina al pubblico alle 7 in punto il nuovo ospedale dei Castelli. Sono stati aperti tutti i reparti che ospitano in totale al momento 137 posti letto. Nel giro di alcuni mesi dovrebbero arrivare a 342 posti letto totali. Il pronto soccorso ha accolto il primo paziente alle 7 in punto che era un 45enne di Castel Gandolfo che accusava un dolore alla spalla per via di una caduta. Nel giro di un'ora è stato curato e dimesso.

I primi due ricoveri al reparto riguardano un 45enne di Ariccia che presentava uno scompenso cardiaco, ricoverato in Cardiologia, e una donna 50enne ricoverata al reparto psichiatrico. C'è stato un notevole afflusso di pazienti per visite mediche e prenotazioni nell'efficiente e grande sala dell'accettazione.  
Tra le novità, al secondo piano c'è il reparto di terapia intensiva con oltre 10 posti letto e macchinari di ultima generazione, adiacente al reparto chirurgia. Anche al pronto soccorso ci sono macchinari di alta tecnologia per la cura dei codici rossi con 10 posti letto nella sala rossa. Al piano terra c'è il reparto di radiologia con Tac e risonanza magnetica con macchinari di ultima generazione.

Oltre 700 i posti auto nel parcheggio esterno. Sono in corso ancora alcuni lavori di ultimazione nel piazzale del parcheggio e alcuni ritocchi interni. Intorno alle 10 è arrivato il direttore generale della Asl Rm 6 Narciso Mostarda, soddisfatto per l'apertura dopo 5 lunghi anni di lavori e 20 anni che se ne parlava.  Nella mattinata il dg ha visitato i reparti e ringraziato tutto il personale per l'impegno profuso per questa che lui ha definito "la più grande opera ospedaliera mai fatta ai Castelli Romani". Il 18 dicembre dalle 14 ci sarà l'inaugurazione ufficiale con le istituzioni e le autorità locali, regionali e nazionali, nella struttura al km 11 di via Nettunense, in località Fontana di Papa, costata alla Regione Lazio circa 140 milioni di euro.
(Foto Luciano Sciurba)

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani