"Donne sospese tra la vita e l'amore”
A Monterotondo la storia di Nina

Martedì 12 Novembre 2019 di Andrea Nebuloso
Grande teatro a Monterotondo per "Funambole, donne sospese tra la vita e l'amore”, lo spettacolo scritto e diretto da Dania Appolloni andato in scena al Teatro comunale Ramarini lo scorso fine settimana Sul palco la storia di Nina, alle prese con il suo senso di inadeguatezza nel ruolo di madre, e con un marito troppo assorbito dal lavoro per esserle di aiuto. E non solo. Lo spettacolo è un caleidoscopio di ritratti femminili. con ironia e spunti di riflessione. C'è Cettina, donna del sud emigrata ancora più a sud, e Orsola, donna in carriera; poi Giulia, single disperata, e Sole, figlia dei fiori, con una famiglia allargatissima e surreale; e, ancora, la fragile Nora e la solida Rosita, Lella vittima di una brutale violenza e Marina, che odia le suocere, fino a Mia, la figlia di Nina, nel frattempo cresciuta, che, in poche pennellate, racconterà la madre l'ha amata e aiutata a diventare donna. Sono loro le Funambole, sempre sospese tra la vita e l'amore. Sempre a Monterotondo, negli stessi giorni, gli stessi temi sono stati al centro di un’esposizione dell'artista cosentina Manuela Gallo, allestita nel teatro Ramarini e alla galleria d'arte Grafica Campioli. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma