Fiumicino, il jazz scende dal battello e da spettacolo sotto le stelle nel Borgo Valadier

Fiumicino, il jazz scende dal battello e da spettacolo sotto le stelle nel Borgo Valadier
di Umberto Serenelli
2 Minuti di Lettura
Sabato 4 Settembre 2021, 10:13

Il jazz scende dal battello e si trasferisce nel centro storico di Fiumicino. La “Continental Dixie Band” si è infatti esibita, sotto le stelle, lungo via Torre Clementina nel Borgo Valadier tra 50 banchi di ambulanti da un lato e i ristoranti dall’altro, con in clienti a cena all’esterno dei locali incuriositi. I cinque jazzisti hanno catalizzato l’attenzione dei passanti che si sono fermati a ascoltare seguendoli poi lungo la strada che costeggia il porto-canale. Per più di un’ora è stato dunque spettacolo molto apprezzato per l’originalità con cui è stato proposto. L’iniziativa si inserisce nell’evento “Fiumicino Jazz Festival” proposto dal museo del jazz di Maccarese, sponsorizzato dal Birrificio agricolo podere 676, che si concluderà il 26 settembre con in programma tanti concerti e incontri culturali sulla storia del jazz. La caratteristica di maggior rilievo delle serate sarà la musica dixieland, tipica della Louisiana, una sorta di commistione della ritmica che arrivava dal Sud america, più precisamente da Cuba e dai Caraibi, con gli aspetti melodici e armonici della tradizione classica, le opere liriche, le marce, i valzer, le polke che provenivano dai bianchi europei. «Non mi sorprende il successo ottenuto dalle esibizioni sia sull’archeoboat che lungo via Torre Clementina perché onestamente me lo aspettavo in quanto la musica jazz è coinvolgente – dice l’organizzatore Attilio Berni –. Questa sera ci attende un altro grosso evento nel museo, ore 21, con “Max Ionata&Friend” e domani l’appuntamento con “Conversaxioni”, una miscela di musica e storia del jazz con Lino Patruno, dove sarà anche possibile gustare dell’ottima birra».

© RIPRODUZIONE RISERVATA