ROMA

Ethiopian Airlines, la Luiss intitola il parco di Villa Blanc alle due studentesse italiane

Martedì 1 Ottobre 2019
Ethiopian Airlines, la Luiss intitola il parco di Villa Blanc alle due vittime italiane

Mercoledì 2 ottobre, il Parco pubblico di Villa Blanc, sede della Luiss Business School, sarà intitolato a Maria Pilar Buzzetti e Virginia Chimenti, le giovani operatrici del World Food Programme, prematuramente scomparse nell’incidente aereo dell'Ethiopian Airlines del 10 marzo 2019. L’Ateneo vuole, con questo gesto, ricordare l’impegno che le due ragazze hanno profuso nel corso delle loro vite nell'ambito della cooperazione solidale, con carriere troppo brevi, ma già di alto livello.

LEGGI ANCHE: Aereo caduto: «Il pilota dell'Ethiopian Airlines non era addestrato sul nuovo simulatore»
 

 

Alla cerimonia, al fianco delle famiglie e degli amici delle due ragazze, saranno presenti i vertici dell’Ateneo: il Presidente Vincenzo Boccia, il Direttore Generale Giovanni Lo Storto, il Rettore Andrea Prencipe e il Presidente della Luiss Business School, Luigi Abete. Inoltre, in rappresentanza delle istituzioni, interverranno la Presidente del II Municipio di Roma, Francesca Del Bello e l’Assessore alle Politiche giovanili e universitarie, Lucrezia Colmayer.
 

Nel corso dell’intitolazione, che darà accompagnata dalle note dell’orchestra di Santa Cecilia, un albero sarà messo a dimora nel Parco pubblico della Villa, per simboleggiare la nascita di una nuova vita, quella di uno spazio verde dedicato alle due ragazze, che prenderà sì i loro nomi, ma che continuerà a rappresentare la Casa di tutti, simbolo anche di quel desiderio di accoglienza e di sostegno verso il prossimo che era diventato la loro vocazione. Maria Pilar Buzzetti, aveva conseguito la laurea Magistrale alla Luiss Guido Carli in “Relazioni Internazionali, Scienze politiche e di Governo” con il massimo dei voti.

La giovane è stata inoltre autrice di diverse pubblicazioni, nonché consulente per associazioni di studio, ricerca e internazionalizzazione in Eurasia e Africa. Virginia Chimenti, invece, dopo la laurea a Milano un Master in Studi africani e orientali a Londra ha intrapreso la sua carriera con le Nazioni Unite lavorando prima in Myanmar per UNCDF (Fondo delle Nazioni Unite per lo sviluppo dei capitali) e poi a Roma per IFAD (Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo) e WFP.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma