Concerti a Roma fino al 22 maggio: Africa & elettronica, un pianista dal Cile, rock & jazz, un mare di sax, Kinsella e Truppi al Parco

mike kinsella
di Fabrizio Zampa
18 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Maggio 2022, 14:53 - Ultimo aggiornamento: 15:00

LUNEDI’ 16 MAGGIO

Jazz/ All’Alexanderplatz il quartetto di Massimo Pirone

Sonorita nuove con brani originali e con musicisti che riescono a dare ai live un'impronta originalissima senza dimenticare la tradizione: ecco l’obiettivo del trombonista Massimo Pirone, live stasera in quartetto con il sassofonista Marco Guidolotti, il tastierista Stefano Sastro e il batterista Ettore Fioravanti.

Alexanderplatz, via Ostia 9, alexanderplatzjazz.com, ore 21

MARTEDI’ 17 MAGGIO

Musica/Al Vascello “UbuntroniX”, elettronica e Africa con Martux M e Tam Tam Morola

L’Officina delle Culture propone “UbuntroniX”, un concerto nato dall’incontro di Martux_M, pioniere della musica elettronica, e Tam Tam Morola, gruppo senegalese guidato da Moustapha Mbengue, attore, percussionista e profondo conoscitore della tradizione musicale Wolof, Mandinga e Serer che ha suonato con Youssou N’Dour, Mory Kante, Robert Plant, con i cubani Gente di Zona, ma anche con Julio Iglesias e molti musicisti italiani. Il suo originario gruppo, i Tamburi di Gorè, aggiunge alle percussioni strumenti musicali occidentali, e stavolta anche l’elettronica di Martux, dando così vita a una formazione che sarà accompagnata da una performance di danza coordinata dai maestri Ismaila Kante e Sakou Kande. A suonare dal vivo con Moustapha Mbengue sono Ismaila Mbaye, Papis Diarra, Issa Diarra, Jean Charles Gomis e Elhadjii Mbaye, e il live è un’occasione per vivere un mix insolito. UbuntroniX assorbe il termine africano Ubuntu, il cui significato è semplice: l’umanità di ciascuno non è semplicemente intrinseca, ma è una qualità che proviene dalla relazione con l’altro, e stavolta celebra l’incontro e il rispetto reciproco: in lingua bantu vuol dire “io sono perché noi siamo”, e il riassunto è questo spericolato incontro tra elettronica e ritmi africani.

Teatro Vascello, via Giacinto Carini 72, 06-5898031, ore 21 

Jazz & Blues/Al club in concerto il chitarrista Lello Panico

Dopo tanto tempo passato a suonare, registrare e comporre blues, il chitarrista Lello Panico, origini casertane, torna a suonare jazz con i vecchi amici e ottimi musicisti con i quali ha condiviso tanta musica e registrato l'album “The Secret”: in quartetto con il chitarrista Daniele Cordisco, il contrabbassista Dario Rosciglione e il batterista Pietro Iodice lo fa al club di via Ostia, dove ha speso tanti anni della sua vita a suonare, ascoltare e imparare e dove offre oggi una serata di jazz e di blues.

Alexanderplatz, via Ostia 9, alexanderplatzjazz.com, ore 21

Jazz/Conosci mia cugina all’Elegance Cafè

Conosci mia cugina è una vecchia canzone made in Italy (la cantava una vita fa Ernesto Bonino) ma anche il nome del gruppo swing formato da giovani musicisti: sono la vocalist Federica D’Andrea, il pianista Davide Annecchiarico, il contrabbassista Giuseppe Civiletti e il batterista Fabiano Giovannelli, che tre anni fa si sono uniti, spinti dalla passione per il jazz europeo e dalla voglia di recuperare e riproporre brani della musica swing italiana e americana degli anni ’50 in un divertente swing show a trecentosessanta gradi.

Elegance Cafè, elegancecafe.it, 06-57284458, via Francesco Carletti 5, ore 21.30

Blues/Andy’s Corner al Charity Cafè

Andrea Angelini, in arte Andy’s Corner, presenta tutti i martedì il suo progetto solista acustico per voce, chitarra e armonica: un viaggio nella migliore musica anglo-americana (blues, rock, country…) in particolare degli anni ‘60 e ’70, ma non solo.

Charity Cafè, via Panisperna 68, 06-47825881, ore 22

 

MERCOLEDI’ 18 MAGGIO                               

Jazz/La vocalist Lucia Filaci presenta “A Tu per Tu” all'Alex

La vocalist Lucia Filaci, che si muove fra lirica (da soprano) e jazz, presenta in anteprima con il suo quartetto (il pianista Andrea Beneventano, Dario Rosciglione al contrabbasso e Gegè Munari alla batteria) "A Tu per Tu", il suo nuovo album con brani originali e grandi standard della tradizione jazzistica. Fra questi spicca "Serenade to Sweden", pietra miliare firmata nel 1963 dal grande Duke Ellington, riletta in una versione sorprendente anche grazie all'utilizzo della vocalità lirica. Il nocciolo è appunto la voce, e Lucia ha concepito il disco sfruttando le sue tante possibilità e utilizzandola sia come mezzo espressivo attraverso i testi dei suoi brani originali, sia come strumento specificamente tecnico spaziando dalla vocalità jazz (senza tralasciare l'uso dello scat) all'impostazione lirica, fra virtuosismi e lirismo. In "A Tu per Tu" c’è un sapiente mix di blues e swing, con influenze afrocubane e brasiliane e con gli arrangiamenti suoi, di Beneventano, Rosciglione, Munari, nonché di Fabrizio Aiello e Antonello Paliotti. La sezione ritmica formata da Beneventano, Rosciglione e Munari, è il fiore all'occhiello del lavoro, e al loro fianco ci sono altri musicisti di livello, come il LulùSwing Quartet (una sorta di omaggio al Quartetto Cetra) che con Vittorio Cuculo, Fabrizio Aiello, Juan Carlos Albelo e Monica Tenev arricchiscono il nuovo album della cantante e compositrice.

Alexanderplatz, via Ostia 9, alexanderplatzjazz.com, 06-86781296, ore 21

Latin Jazz/Alla Casa piano solo del cileno Orion Lion

Orión Lion è il nome di battaglia del cileno Orión Morales, pianista, compositore, arrangiatore, bandleader, esponente del latin jazz del paese sudamericano: diplomato al Berklee College of Music di Boston, ha studiato con Danilo Perez, John Patitucci, Terry Lynne Carrington e tanti altri, e con il suo slogan “musica come spinta al cambiamento” ha creato progetti che interagiscono tra educazione, diplomazia culturale e performance integrando la Comunità latino-americana tramite fondazioni, festival e programmi educativi. Ha registrato 15 album da leader, ha partecipato a prestigiosi festival internazionali come quello di Newport a Rhode Istand, oggi è presidente del Conservatorio di Santiago del Cile. E stasera è in un concerto solista a Roma. Ci sa fare.

Casa del Jazz, casadeljazz.com, viale di Porta Ardeatina 55, 06-80241281, ore 21

Musica/All’Elegance live degli Evergreen di Massimo Pirone

“Evergreen” è un progetto del trombonista e trombettista Massimo Pirone nato per rivalutare le grandi melodie di un tempo e rivisitate con vesti nuove,  come il funk, il raggae e lo swing, per dare una visione del tutto differente ma più attuale di canzoni come “Georgia on My Mind”, “Over the Rainbow”, “The Lady is a Tramp”, “My Way” e così via. Con Pirone ci sono la vocalist Mimma Pisto, Oliver Von Essen all’organo Hammond e Carlo Battisti alla batteria.

Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, elegancecafe.it, 06-57284458, ore 21.30

Blues/Al Charity Cafè Blues Jam & Friends

Si chiama Blues Jam & Friends la serata coordinata dal vocalist e chitarrista Marco Di Folco, con il chitarrista Emiliano Tremarelli, il contrabbassista David Pintaldi e il batterista Lorenzo Francocci. Come sempre, tutti i BluesMan e le BluesWoman prseenti nel club sono invitati a salire sul palco e partecipare.

Charity Cafè, via Panisperna 68, charitycafe.it, 06-47825881, ore 22

GIOVEDI’ 19 MAGGIO

Jazz/All’Alex si affaccia il progressive rock con Stefano Cicconetti

Il trio del batterista Stefano Cicconetti, con Emanuele Croma Rizzo al pianoforte e Alessandro Botti al contrabbasso, propone il progetto "Jazz and progressive", che reinterpreta brani del periodo d’oro del progressive rock, dai Genesis ai Jethro Tull ma anche ai Police, passando da composizioni di Ennio Morricone e Keith Emerson e trovando dei comuni denominatori con brani di pura estrazione jazzistica, da autori come Dave Brubeck a Wayne Shorter, che possano coerentemente coesistere con lo spirito del progetto. Completano l’opera anche alcune composizioni originali. Alexanderplatz, via Ostia 9, alexanderplatzjazz.com, 06-86781296, ore 21

Jazz/Lo Ialsaxophone Ensemble torna live al Cotton Club

Torna una splendida formazione e insieme un laboratorio musicale in continua evoluzione, on the road da anni:è lo Ialsaxophone Ensemble guidato dal sassofonista Gianni Oddi, del quale non si può fare a meno di citare tutti i componenti. Sono un fiume di sassofonisti, da Marina Acerra a Greta Antelmi, Daniela Di Scala, Massimiliano Raffa, Carla De Virgilio, Peppe D'argenzio, Pierluigi Pisano, Adriano Piva, Danilo Lidano, Lorenzo Mazzufferi, Judy Nandall, Giorgio Nuzzo, Bruno Menconi e Valerio Fiacchi.

Avete idea del sound che viene fuori da una sezione di ben sedici sax, dal soprano all’alto, dal tenore al baritono? Con loro suonano il trombettista Antonello Sorrentino, il pianista Alessandro Bonanno, il contrabbassista Stefano Napoli e il batterista Massimiliano Di Cristofaro. Offrono un jazz da big band energico e ricco di sostanza e di qualità, e meritano (l'abbiamo già detto, ma anche stavolta lo ripetiamo) una medaglia d’oro.

Cotton Club, via Bellinzona 2, www.cottonclubroma.it 349-0709468, ore 22

Jazz/Mariasole De Pascali in concerto alla Casa

Mariasole De Pascali, flautista (soprano, contralto, ottavino) e performer pugliese, presenta live il suo primo lavoro discografico, frutto delle diverse esperienze nell’ambito dell’improvvisazione, della scrittura creativa e delle musiche contemporanee. Le composizioni si alternano intorno a oggetti sonori, impulsi elettrici e comportamenti meccanici, "alla ricerca di una breve fosforescenza, un attrito tra sé e uno spazio mobile, lirico ma non retorico, fra jazz, musica da camera e rock". E’ in concerto con Giorgio Distante (tromba, tuba, elettronica), Adolfo La Volpe (chitarre elettriche e elettronica) e Lucio Miele (batteria, vibrafono e percussioni).

Casa del Jazz, casadeljazz.com, viale di Porta Ardeatina 55, 06-80241281, ore 21

Jazz/Il Da Nu 4tet in concerto all’Elegance

Torna il Da Nu Jazz 4et, una delle poche formazioni che rappresentano in Italia lo smooth jazz, che una volta veniva anche definito fusion, cioè un mix fra jazz, funk, soul e rhythm & blues. Il cosiddetto smooth jazz negli Usa viene considerato figlio legittimo del jazz puro, e il repertorio del quartetto spazia tra rivisitazioni in chiave soul/funk di classici di Herbie Hancock, Miles Davis, Grover Washington, David Sanborn, Marcus Miller e versioni di brani di Michael Jackson, Marvin Gaye, Stevie Wonder, RandyCrawford e tanti altri. La formazione: Costantino Ladisa ai sassofoni, Antonio Iammarino al pianoforte, Francesco Puglisi al contrabbasso e Andy Bartolucci alla batteria.

Elegance Cafè, elegancecafe.it, 06-57284458, via Francesco Carletti 5, ore 21.30

Jazz/Luisa Annibali e Sebastian Marino live al Charity Cafè

Per gli appuntamenti della serie "Jazz Voice" è in cartellone un classico duo pianoforte e voce, formato dalla cantante romana Luisa Annibali, di origini calabresi, e dal pianista Sebastian Marino. I due propongono, fra improvvisazione e estemporaneità, un repertorio di brani inediti, dalle sonorità jazz e neo soul, di standard Jazz e di musiche brasiliane. Luisa, reduce da anni di studio passati in Irlanda, è stata docente di canto in diverse scuole dell'isola, ha collaborato con tanti musicisti di varie provenienze, ama la musica del Brasile, dal samba al choro e alla bossanova, e ha all’attivo progetti musicali come la Lulu’s Swing Band, che spesso collabora con gruppi di ballo di swing e Lindy Hop. Marino, pianista, tastierista, compositore e arrangiatore romano, lavora nel mondo del pop e del jazz, alternando il ruolo di turnista a quello di compositore e band leader.

Charity Cafè, charitycafe.it, 06-47825881, via Panisperna 68, ore 22

VENERDI’ 20 MAGGIO

Cantautori/Al Parco della Musica concerto di Alice Robber e Rob Von Datty

Alice Robber, all’anagrafe Alice Pistoia, romana, annata 1997, è una cantautrice che spazia dall'indie al pop e sta lavorando al suo album d’esordio. Dopo una lunga esperienza a Londra, si è messa al lavoro cercando di trovare un punto d’equilibrio tra canzone e pop, tenendo presente la lezione dei grandi della musica britannica ma anche quella dei cantautori italiani.

Roberto Datti, in arte barone Rob Von Datty, è un giovane cantautore nato a Tivoli, e “Diavolerie” è il titolo del suo ep d’esordio, primo volume di quella che sarà la “Trilogia della Notte”. Autore di canzoni surreali, di brani rock travolgenti con improvvisi spunti poetici, riesce a mettere insieme tante cose diverse, dal cinema alla letteratura, dal teatro a mille altre “diavolerie”, come s’intitola il suo lavoro del 2012. E’ passato tanto tempo da allora, Von Datty è cresciuto e maturato e oggi offre una delle ipotesi musicali più interessanti della Capitale.

Parco della Musica, viale De Coubertin, auditorium.com, Teatro Studio Borgna, ore 21

Jazz/All’Elegance omaggio a Charlie Parker del sax di Vittorio Cuculo

“Tribute to Bird”, l’omaggio del sassofonista Vittorio Cuculo a Charlie Parker, e non solo al jazz dalle atmosfere parkeriane e al genio del grande sassofonista di Kansas City, è anche un vivo ricordo del bebop e della sua carica ritmica dissacrante, con una personale rivisitazione di celebri standard. Glielo dedica Cuculo, considerato uno dei migliori nuovi talenti del jazz italiano, con già due ottimi album alle spalle. Con lui suonano il pianista Danilo Blaiotta, il contrabbassista Enrico Mianulli e il mitico batterista Gegè  ”The Legend” Munari.

Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, elegancecafe.it, 06-57284458, ore 21.30

Musica/All’Alex arriva Elisabetta Guido con il nuovo album "Arabesque"

La vocalist Elisabetta Guido, pugliese di Galatina, presenta con il sassofonista Mirko Fait, il chitarrista Martino Vercesi, il bassista Luca Garlaschelli e il batterista Giorgio Vogli, il nuovo album “Arabesque”, che propone nove brani, quasi tutti composti dalla cantante, che spaziano fra swing, ballad, samba e tango, giocando con il ritmo, come è nel suo tipico stile di autrice.

«Arabesque – spiega Elisabetta - porta avanti la linea compositiva tracciata con il mio precedente album da autrice “The Good Storyteller”, cioè l'obiettivo di suscitare immagini nella mente di chi ascolta e il mio amore per il ritmo, che mi portò nel precedente lavoro a cimentarmi anche con tempi in  5/4, 7/8 e poliritmia. Ma a differenza di allora, qui impera la semplicità, perché questo lavoro è figlio dei miei stati d’animo durante i lockdown causati dalla pandemia, periodi in cui ho sentito di voler utilizzare la scrittura musicale, come sempre avviene per me, come mezzo per ritrovare serenità e un pizzico d’allegria». Nel disco non mancano alcuni brani di tutt’altra atmosfera, basati su racconti reali, con i quali l’autrice dimostra il suo impegno sociale a favore delle donne vittime di abusi e violenze: “Non ritornerò mai più” e “Risveglio” sono dedicati all’Associazione Salentina “La Girandola”, diretta da Monica Antonia Agrosì, che si occupa proprio della tutela di queste donne e dei loro figli.

Alexanderplatz, via Ostia 9, alexanderplatzjazz.com, 06-86781296, ore 21 

Jazz/Alla Casa il trio di Dario Piccioni con Veronica Marini  

Arriva il contrabbassista romano Dario Piccioni, che ha studiato al Berklee College of Music di Boston, si muove fra jazz, world music, progressive rock, pop, musica brasiliana, improvvisazione, contemporanea, e presenta ora il suo singolo “The Wizard’s Castle”, che fa parte del nuovo album intitolato "Caffè Tevere", nato dalla lunga collaborazione con Vittorio Solimene al piano e Michele Santoleri alla batteria. Ospiti della serata la vocalist Veronica Marini e il berlinese Reiner Hess al sax soprano.

Casa del Jazz, casadeljazz.com, viale di Porta Ardeatina 55, 06-80241281, ore 21

Jazz/Al Charity il trio Guidolotti, Carucci e Puglisi

Il sassofonista Marco Guidolotti, il pianista Ettore Carucci e il contrabbassista Francesco Puglisi presentano un progetto nuovo, dinamico e di grande musicalità, alternando pezzi originali e standard jazz rivisitati in chiave moderna.

Charity Cafè, via Panisperna 68, charitycafe.it, 06-47825881, ore 22

SABATO 21 MAGGIO

Cantautori/Francesco Bianconi & Stupefacente Band al Parco della Musica

«Sarà bello suonare ogni sera diversamente, e ogni sera provare a spezzare il cuore del pubblico dall’inizio alla fine dello spettacolo. Perché solo quello, in fondo, è ciò che conta»: così il cantautore Francesco Bianconi, da Montepulciano, frontman dei Baustelle, illustra il piano di presentazione dei suoi ultimi lavori in studio, in una summa ideale della sua vasta produzione, dai progetti più recenti a incursioni nel passato, ma non solo: ha infatti pensato questo nuovo tour come “una storia a parte” dove protagoniste saranno “elettricità, percussione, tensione e massa sonica, alternate a momenti più acustici con le canzoni degli ultimi dischi in primo piano, ma anche l’occasione per presentare nuovi brani inediti». Con lui i musicisti della sua Stupefacente Band, ovvero Angelo Trabace al pianoforte, Zevi Bordovach all’harmonium, moog e mellotron, Alessandro Trabace al violino, Sebastiano de Gennaro alle percussioni e al vibrafono, Stefano Pilia alla chitarra, Enrico Gabrielli a sassofoni, clarinetto, flauto e sintetizzatori.

Parco della Musica, viale De Coubertin, auditorium.com, Sala Petrassi, ore 21

Rock/L’americano Mike Kinsella live all’Auditorium

Il lavoro che Mike Kinsella, 45 anni, polistrumentista americano di Chicago (voce, chitarra, basso, tastiere, batteria…) ha svolto nel corso degli anni attraverso le sue varie fatiche è stato fondamentale, a cominciare dai primi giorni con i Cap’n Jazz fino allo straordinario successo degli American Football. Adesso sta portando avanti un progetto a lungo termine come solista e presenta il suo nuovo album “The Avalanche”, raccolta delle canzoni «più oneste e dirette». Mike ha alle spalle una quarantina di album, ma “The Avalanche” è il più intenso, nel quale scava più a fondo che mai, attraverso un'auto-riflessione talmente dolorosa e sincera a volte difficile da affrontare. È una visita guidata attraverso uno dei capitoli più duri della vita, con il risultato di nove delle migliori canzoni che siano mai state scritte per “Owen” (del 2001) e un disco straziante ma magnifico.

Parco della Musica, viale De Coubertin, auditorium.com, Teatro Studio Borgna, ore 21

Jazz/Costanza Alegiani con il progetto “Folkways” alla Casa

“Folkways” è un progetto di Costanza Alegiani, vocalist e compositrice italiana, fra jazz contemporaneo e musica d’autore, realizzato insieme al tenorsassofonista Marcello Allulli e al contrabbassista Riccardo Gola. L’album, uscito a giugno 2021 per la Parco della Musica Records, s’ispira al folk americano e ai suoi personaggi, immaginari e reali: è un progetto sul folk che diventa mito e manifesto di appartenenza a una tradizione epica, radicata in un'America senza più luogo. Costanza, fra liricità acustica e momenti più elettrici, in “Folkways” propone sia brani originali che folksongs ricche di storia, creando un legame profondo con quella letteratura musicale i cui temi toccano sentimenti e stati d'animo personali ma allo stesso tempo universali e, comunque, in grado di illuminare la contemporaneità. Ospite del trio è il batterista Fabrizio Sferra
Casa del Jazz, casadeljazz.com, viale di Porta Ardeatina 55, 06-80241281, ore 21

Blues/Al Charity il Bad Blues Quartet

ll Bad Blues Quartet nasce dall'incontro di quattro musicisti che hanno fatto del blues una ragione di vita. La band, formata dalla vocalist Eleonora Usala, dal chitarrista Federico Valenti, dal contrabbassista Gabriele Loddo e dal batterista Frank Stara, ha tre album alle spalle e ha collaborato, in tante rassegne, con artisti come Mud Morganfield, Andy J. Forest, Sarah Jane Morris, Robert Randoph e tanti altri. Al momento sta lavorando al prossimo disco in studio.

Charity Cafè, charitycafe.it, 06-47825881, via Panisperna 68, ore 22

Afrobrasilian/All’Alexanderplatz Stefano Rossini & "Batuque Percussion"

Torna il percussionista e bandleader Stefano Rossini con il progetto Batuque Percussion, il suo live dedicato all’afrobrasilian jazz, on the road da molti anni. E’ il mondo che esplora da sempre  insieme ai suoi musicisti per offrire un viaggio in un'atmosfera spettacolare e straordinaria, piena di ritmo e percussioni, e di ottima qualitá musicale. In scaletta brani del nuovo album "Batuque Percussion 3", realizzato con ospiti di livello internazionale. Con lui suonano Alberto D’Alfonso (flauto e sax), Henry Cook (sax e flauto), Judy Puccinelli (voce e percussioni), Ippolito Pingitore (batteria), Danilo Visco (basso), Francesco Pingitore (chitarra) e Francesca Mancini (percussioni),

Alexanderplatz, via Ostia 9, alexanderplatzjazz.com, 06-86781296, ore 21

Jazz/Gli Sticky Bones all’Elegance con un mix di stili

Early jazz, classic blues, american roots, hokum songs, barrelhouse, stomps, stride, boogie woogie, vaudeville, race records: sono tutti stili a cui gli Sticky Bones si ispirano. Il gruppo (la vocalist Mama Ines, Francesco Marsigliese alla cornetta, Filippo Marino al clarinetto, il chitarrista e banjoista Floriano Andolfo, il pianista Emiliano Federici e Maurizio Capuano al contrabbasso e al basso tuba) cerca di portare il pubblico indietro nel tempo, di ridare al jazz la sua vecchia dimensione low-fi e di ricondurre l'orecchio alle origini spesso ignorate. Look, sound e repertorio fanno degli Sticky Bones una perfetta fotografia, rigorosamente in bianco e nero, di quanto si poteva vedere e sentire in quell'America di inizio secolo, scossa da quel terremoto che negli anni a venire si sarebbe chiamato jazz. Insomma, i sei musicisti vestono i panni degli archeologi musicali.

Elegance Cafè, elegancecafe.it, 06-57284458, via Francesco Carletti 5, ore 21.30

Musica/Tra le Corde alla Scuola Popolare di Musica di Testaccio

Da sabato scorso, con un concerto di Sylvie Genovese, ha preso il via “Tra le Corde”, rassegna di sole chitarre «perché la chitarra ha sempre occupato uno spazio importante nella nostra scuola». Nel corso degli anni è stato uno degli strumenti più richiesti da parte degli allievi (oltre alla voce e al pianoforte) e questo ha stimolato la scuola a creare laboratori sempre più specifici per chitarristi e con un organico di soli chitarristi. Oggi pomeriggio c’è “Tra classica, rock e jazz”, una ricerca dei suoni comuni, tra elettrico e naturale, con le chitarre di Ludovico Piccinini e Leonardo Fildani e la voce di Claudia Collacchi.

Scuola Popolare di Musica di Testaccio, Sala Concerti, Piazza Giustiniani 4/a, ore 18,30

DOMENICA 22 MAGGIO

Jazz/All’Alexanderplatz il quartetto della vocalist Marika Lermani

Arriva il quartetto di Marika Lermani, da Policoro, Basilicata, vocalist e compositrice che si muove fra jazz, pop e blues, finalista della quarta edizione di XFactor 4 e della prima edizione di The Voice of Italy 1. Con il chitarrista Nicola Costa, il contrabbassista, polistrumentista, arrangiatore e videomaker Paolo Grillo e il batterista Matteo di Francesco, propone un viaggio fra jazz e blues, con celebri brani del repertorio di artisti come Billie Holiday, Nina Simone, Ella Fitzgerald, George Gershwin, Diana Krall, Melody Gardot, Bill Withers, Etta James e così via.

Alexanderplatz, via Ostia 9, alexanderplatzjazz.com, 06-86781296, ore 21

Jazz/La Scoop Jazz Band torna all’Elegance Cafè

Torna la Scoop Jazz Band, gruppo di giornalisti e musicisti uniti dalla passione del jazz e del blues, che propone un repertorio misto di successi di standard e classici blues e swing con reinterpretazioni originali sia sul versante ritmico che su quello melodico. La Scoop nasce nel 2010 ed stata presente in molti eventi in Italia e all'estero, sia in sedi istituzionali (la Camera dei deputati, la tenuta di Castelporziano della presidenza della Repubblica, le sedi di rappresentanza della Commissione europea e del Parlamento europeo), sia in concerti tenuti in diverse rassegne, festival e locali. Sono Dino Pesole (chitarra), Antonio Troise (tastiere), Stefano Sofi (percussioni), Romano Petruzzi (sax alto), Michelangelo Marinelli (sax baritono), Guido Cascone (batteria), Stefano Abitante (voce e tromba), Sebastiano Forti (sax e clarinetto), Massimo Leoni (voce), Donatella Cambuli (voce) e Antonello Mango (contrabbasso).

Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, elegancecafe.it, 06-57284458, ore 21.30

Cantautori/Giovanni Truppi all’Auditorium con la sua band

Dopo le performance sul palco dell’Ariston con “Tuo padre, mia madre, Lucia”, il brano in concorso al festival di Sanremo. e con “Nella Mia ora di Libertà”, canzone di Fabrizio De André interpretata in duetto con Vinicio Capossela e la partecipazione di Mauro Pagani, il cantautore napoletano Giovanni Truppi è in concerto al Parco della Musica. Insieme alla sua band e con qualche ospite a sorpresa rivisiterà dal vivo i brani contenuti in “Tutto l'Universo”, l’antologia che racchiude la sua essenza artistica e i suoi dieci anni di musica. Un viaggio musicale capace di attingere da linguaggi diversi come il jazz, il rock, il punk e la canzone d’autore, unendoli a un’inventiva metrica che nel canto spesso comprime e allunga le sillabe per meglio disporle tra le maglie dell’armonia.

Parco della Musica, viale De Coubertin, auditorium.com, Sala Sinopoli, ore 21

© RIPRODUZIONE RISERVATA