Concerti a Roma fino al 9 ottobre: dal rock dei Counting Crows e dei Godspeed You! agli Ardecore e Morricone in jazz

Ardecore
di Fabrizio Zampa
14 Minuti di Lettura
Domenica 2 Ottobre 2022, 19:09

LUNEDI’ 3 OTTOBRE

Musica/Maria Pia De Vito canta “Dreamers”, live alla Casa del Jazz

«Il mio nuovo album “Dreamers” è una collezione di canzoni di icone del songwriting americano, da Paul Simon a David Crosby, Bob Dylan, Tom Waits fino alla mia sempre amata Joni Mitchell, alla quale ho dedicato molto anni fa un disco omaggio - dice la vocalist Maria Pia De Vito. - Sono poeti e lucidi sognatori che dagli anni sessanta a oggi hanno saputo offrire produzioni di grande bellezza, incarnando in testi di profonda sincerità e forza poetica lo spirito del loro tempo. Sono brani storici e attualissimi per contenuti e intenzioni, siano incentrati in disarmanti e disarmate riflessioni sul proprio privato o nella professione di una critica della società e della politica: rappresentano in sé espressioni di una ispirata idea di un mondo giusto, dalla raffigurazione di una isola di pace da raggiungere, in contrapposizione alla chiamata alla guerra del Vietnam, della meravigliosa “The Lee Shore“ di Crosby, dai fantasmi d’amore da inseguire ma senza illusioni come in “Simple Twist of Fate” di Bob Dylan, “Carey“ e “Be Cool” di Joni Mitchell o “Rainbow Sleeves” di Tom Waits. Oggi più che mai, abbiamo bisogno di questa giustizia poetica, dell’arte come faro di lucidità e di professione della libertà in quanto partecipazione».

Ha già detto tutto lei, ma se volete ascoltare dal vivo i brani del disco trovate Maria Pia, con Luca Aquino alla tromba, Julian Oliver Mazzariello al piano, Enzo Pietropaoli al contrabbasso e Alessandro Paternesi alla batteria, live stasera.

Casa del Jazz, casadeljazz.com, 06-80241700, viale di Porta Ardeatina 55. ore 21

Rock/I Godspeed You! Black Emperor in concerto al Largo Venue

La band post rock canadese dei Godspeed You! Black Emperor, on the road dal 1994, viene da Montreal, è uno dei gruppi più influenti del post-rock. Si è fermata nel 2003 per poi riunirsi alla fine del 2010. Sono i chitarristi Efrim Menuck, Mike Moya e David Bryant, i bassisti Mauro Pezzente e Thierry Amar, i batteristi Aidan Girt e Bruce Cawdron, hanno alle spalle sette album in studio (l’ultimo è “G d's Pee At State’s End!”) e hanno venduto più di 20 milioni di copie in tutto il mondo. Suonano brani lunghi, dai 10 ai 25 minuti, e talvolta li dividono in movimenti, come se si trattasse di sinfonie. Hanno una folla di fan, che li considera una band di culto anche per via dell'alone di mistero che li circonda.

Largo Venue, via Biordo Michelotti 2, www.largovenue.com, 06-59875966, ore 21.3

MARTEDI’ 4 OTTOBRE

Rock/I Counting Crows da San Francisco all’Auditorium

Per oltre due decenni la band californiana dei Counting Crows, nata nel 1991, ha incantato mezzo mondo con la sua interpretazione intensa e appassionata di un rock’n’roll senza tempo, il rock classico di gruppi anni ’60 come Creedence Clearwater Revival, The Band o Little Feat. Esplosa sulla scena musicale internazionale nel 1993 con l’album di debutto “August and Everything After”, la formazione (oggi sono il vocalist e pianista Adam Duritz, i chitarristi David Bryson, Dan Vickrey e David Immerglück, questo ultimo anche al mandolino, il tastierista e organista Charles Gillingham, il bassista Millard Powers e il batterista Jim Bogios) ha alle spalle una dozzina di album e l’ultimo, del 2021, è “Butter Miracle Suite One”, che dà il titolo all’attuale tour.

Parco della Musica, auditorium.com, viale De Coubertin, Sala Sinopoli,  ore 21

Jazz/All’Elegance Ricciardi e Zamora fra samba e musica latina

Un dialogo estemporaneo tra corde, vocali e non: improvvisazioni e  melodie di voce, chitarra, violino e armonica che viaggiano tra samba, bossa, tango, boleros, zamba argentina, perle della tradizione popolare napoletana e romana e via di questo passo attraverso un mix tra diverse culture musicali: ve lo offrono il vocalist e chitarrista Marco Ricciardi e il violinista, armonicista e vocalist Juan Carlos Albelo Zamora.

Elegance Cafè, elegancecafe.it, via Francesco Carletti 5, 06-57284458, ore 21,30

Blues/Andy’s Corner al Charity Cafè

Come ogni martedì torna Andrea Angelini, in arte Andy’s Corner, che presenta il suo progetto solista acustico per voce, chitarra e armonica: un viaggio nella migliore musica anglo-americana (blues, rock, country…) in particolare degli anni ‘60 e ’70, ma non solo.

Charity Cafè, via Panisperna 68, charitycafe.it, 06-47825881, ore 22

Blues/Mike Green e Marco Bartoccioni live al Fonclea

Il progetto vede l’unione di due poliedrici artisti, il chitarrista e vocalist Mike Greene e il polistrumentista Marco Bartoccioni, chitarrista di Teresa De Sio. Americano di Brooklyn, cresciuto ascoltando le stazioni radio nere di Harlem e del Bronx che trasmettevano blues e gospel a profusione, Greene ha suonato con diverse band per poi trasferirsi in Europa. I due musicisti vogliono fondere lre loro esperienze e sfumature nel vero e originario blues, creando un sound unico. I suoni slide di Marco e la voce calda e potente di Mike porteranno la platea direttamente in quel mondo blues originario che tanto immaginiamo. Lo spettacolo sarà essenziale, immediato e diretto, come lo è sempre stato il blues.

Fonclea, via Crescenzio 82a, fonclea.it, 06-6896302, ore 21.30

MERCOLEDI’ 5 OTTOBRE

Musica/Ennio Morricone in jazz all’Elegance Cafè

«Io penso che, quando fra cento, duecento anni, vorranno capire com'eravamo, è proprio grazie alla musica da film che lo scopriranno», diceva Ennio Morricone. E stasera la band formata dal sassofonista Igor Marino, dal chitarrista Edoardo Liberati, dal contrabbassista Dario Piccioni e dal batterista Federico Chiarofonte propone un concerto con il miglior repertorio di Morricone, ripensato e improvvisato in chiave jazz ma sempre rispettando l’atmosfera autentica e solenne di uno dei più grandi compositori del nostro tempo. Da “Il Buono, il brutto e il cattivo” a “The Mission” e ai recenti lavori per Quentin Tarantino, la formazione suona quelle indimenticabili colonne sonore, con la riproduzione di tagli di sceneggiatura tratti dalle scene più belle dei film che faranno da cornice a questo viaggio.

Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, elegancecafe.it, 06-57284458, ore 21.30

GIOVEDI’ 6 OTTOBRE

Jazz/All’Elegance omaggio a Chet Baker dell’Hammond Chet Trio

L’Hammond Chet Trio, cioè Giambattista Gioia al flicorno, Emanuele Rizzo all’organo Hammond e Andrea Bonioli alla batteria, rivisitano molti dei classici che il trombettista, scomparso nel 1988 e in Italia per lungo tempo, amava suonare nei suoi concerti, cercando di non tradire la proverbiale morbidezza del suono di Chet e il dinamismo ritmico melodico di chi lo accompagnava di volta in volta. Uno dei più grandi trombettisti della storia del jazz, tra i bianchi senza ombra di dubbio il migliore, secondo forse solo al collega Miles Davis, Baker era anche un vocalist dal timbro più che singolare, e chi l’ha sentito suonare ricorda con grande piacere il suo straordinario “My funny Valentine”.

Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, elegancecafe.it, 06-57284458, ore 21.30

Jazz/Al Charity una jam session a tutto swing

Vi aspetta una jam session dedicata allo swing del periodo 1920-1940, con il sassofonista Giuseppe Ricciardi, il pianista Oliver Von Essen, Light Palone al contrabbasso e Carlo Battisti alla batteria. Tutti i musicisti ospiti del club sono invitati a salire sul palco e partecipare.

Charity Cafè, via Panisperna 68, charitycafe.it, 06-47825881, ore 22

VENERDI’ 7 OTTOBRE

Musica/Sara Franceschini al Parco con “Musiche del ritorno”

La vocalist romana Sara Franceschini, con Alessandro Gwis al piano e Andrea Colella al contrabbasso, presenta il suo primo disco “Musiche del ritorno”. E’ un concept album di natura teatrale che racconta un ricongiungimento a se stessi attraverso la nostalgia, una raccolta di canzoni recuperate, attraverso una ricerca tematica e filologica, da vari mondi musicali e linguistici, dalla canzone d’autore italiana alla musica popolare brasiliana e alla canzone napoletana. Cantante e insegnante di musica, Sara viene dalla Scuola Popolare di Musica di Testaccio e dal Conservatorio di Napoli, nel 2015 si diploma nella sezione Canzone di Officina Pasolini. Studia canto jazz a Santa Cecilia e fa parte del collettivo artistico AdoRiza, con il quale ha vinto la Targa Tenco 2019 per il disco “Viaggio in Italia – Cantando le nostre radici” nella categoria miglior album collettivo a progetto. La sua ricerca musicale l’ha vista costruire un repertorio che mescola la canzone d’autore italiana, la musica popolare brasiliana e la canzone romana e napoletana. Da questa ricerca nasce il suo primo disco, appunto “Musiche del ritorno”.

Parco della Musica, auditorium.com, viale De Coubertin, teatro studio Gianni Borgna, ore 21

Jazz/Alla Casa il quartetto del chitarrista Matteo Zaccheo

Il Matteo Zaccheo 4tet è il progetto del chitarrista e leader. Il gruppo (Matteo alla chitarra, Vittorio Esposito al piano e al synth, Pietro Pancella al basso elettrico e Riccardo Inverardi Galli alla batteria) presenta brani inediti scritti da Zaccheo e ispirati dai contemporanei della chitarra brasiliana e della scena newyorkese. Il gruppo ha vinto l'edizione 2021 del Taranto Jazz Contest ed è stato finalista del Premio Fara Jazz Live del Fara Music Festival 2022 e del Conad Jazz Contest 2022, grazie al quale ha avuto la possibilità di esibirsi per il cartellone di Umbria Jazz 2022.

Casa del Jazz, casadeljazz.com, 06-80241700, viale di Porta Ardeatina 55. ore 21

Jazz/All’Elegance due serate con Greg & The Five Freshmen

Un tributo ai grandi crooners come Frank Sinatra, Dean Martin, Nat King Cole e Andy Williams in una versione rivista da Claudio Gregori, Greg, che ha anche personalizzato dei testi di pezzi famosi dando una sua versione dei grandi classici. Lo show all’Elegance è in stile Las Vegas, ricalcando gli spettacoli del Rat Pack di Sinatra e alternando brani swing a sketches che rendono lo show unico. Accanto a Greg, vocalist, ci sono The Five Freshmen, ovvero Massimo Pirone (arrangiamenti e trombone), il sassofonista Stefano Rossi, il pianista Paolo Iurich, Alessandro Patti al contrabbasso e Carlo Battisti alla batteria.

Elegance Cafè, via Francesco Carletti 5, elegancecafe.it, 06-57284458, stasera e domani, ore 21.30

Crooners/Al Cotton Club omaggio a Frank Sinatra di Gianluca Guidi

Gianluca Guidi, vocalist, attore e regista, figlio di Lauretta Masiero e Johnny Dorelli, si muove da anni fra teatro e jazz, radio e televisione, si autodefinisce «fantasista milanese di romana adozione e di borbonica indole» e stasera rende omaggio a quello che probabilmente è il più grande crooner della storia della musica, Frank Sinatra. In quartetto con Andrea Rea al pianoforte, Dario Rosciglione al contrabbasso e Amedeo Ariano alla batteria, propone un viaggio nel repertorio di “The Voice”, con i migliori brani dello swing e del jazz interpretati dallo scomparso Blue Eyes. Il percorso di Gianluca nasce dal suo primo incontro con Sinatra e da un baratto: Frank gli diede il suo album live del concerto al Madison Square Garden di New York del 1974 in cambio di un disco dei Ramones. Scattò un vero e proprio amore nei confronti di The Voice, che Guidi manterrà negli anni a dispetto delle mode passeggere.

Cotton Club, via Bellinzona 2, www.cottonclubroma.it 349-0709468, ore 22

Jazz/Al Charity live dei Jazz Voyagers Project

C’è un tempo musicale che ci guida sempre, c’è un tempo filosofico che, come diceva Luciano De Crescenzo, “è una grandezza bidimensionale, se lo vivi in lunghezza in modo monotono dopo 60 anni avrai 60 anni, se invece lo vivi in larghezza, con alti e bassi, innammorandoti e facendo anche qualche sciocchezza magari dopo 60 anni avrai solo 30 anni“. E’ su questa interpretazione che si ispirano i Jazz Voyager Project nelle loro creazioni senza tempo: “Easy time”, “Indietro nel tempo”, “6/4 d’ora”,  “Attimi” e tanti altri brani originali. Il pianista Danilo Gambardella, il contrabbassista Bruno Pantalone e il batterista Alessandro Picucci sono una formazione jazz fusion caratterizzata da un sound elegante e raffinato, fra jazz, funk e latin con l’aggointa di un pizzico di melodia mediterranea.

Cafè, via Panisperna 68, charitycafe.it, 06-47825881, ore 22

Soul/Al Fonclea gli Insert Coin della vocalist Claudia Nigro

La Insert Coin Band propone un repertorio che collega il meglio del rhythm & blues, del soul e del pop di tutti i tempi: sono la vocalist Claudia Nigro, il sassofonista Enzo Guarino, il tastierista Antonio Sarà, il chitarrista Giorgio Limongelli, il bassista Walter Malorni e il batterista Mirko Teodori.

Fonclea, via Crescenzio 82a, fonclea.it, 06-6896302, ore 21.30

SABATO 8 OTTOBRE

Musica/Gli Ardecore cantano Giuseppe Gioacchino Belli

Gli Ardecore, la formazione guidata dal vocalist e chitarrista Giampaolo Felici, con il chitarrista Adriano Viterbini, il bassista Giulio Ragno Favero, il batterista Jacopo Battaglia, la vocalist Ludovica Valori, il pianista Marco Di Gasbarro e il polistumentista Gianluca Ferrante, presenta live “996 – Le canzoni di G. G. Belli”, il nuovo album e primo tassello di quello che è un intero progetto dedicato al grande poeta Giuseppe Gioachino Belli, tra gli autori più rappresentativi della letteratura romana, autore di un'opera enorme composta da oltre 2000 sonetti che hanno dato voce, dignità e "lingua" al popolo di Roma. Per chi ama la Roma vera e verace è un’occasione ideale.

E’ un doppio album sulle piattaforme digitali, per La Tempesta Dischi (è appena uscita la versione completa, volume uno e due), e un libro, edito da Squilibri, quale unico supporto fisico dell’intero lavoro. Il volume letterario offre la possibilità di accedere all’ascolto in streaming e al downloading dei due dischi, e contiene i testi, con note autografe del Belli, le nuove partiture di tutti i sonetti musicati, le illustrazioni originali realizzate da alcuni disegnatori di fama nazionale e internazionale e la prefazione di Marcello Teodonio, il più autorevole studioso dell’opera belliana e presidente del centro studi ‘G.G. Belli’.

Parco della Musica, auditorium.com, viale De Coubertin, Sala Sinopoli, ore 21

Jazz/Alla Casa omaggio a Herbie Hancock dei Funk Hunters

I Funk Hunters, cioè il sassofonista e flautista Enrico Di Stefano, il chitarrista Luca Chiari, il tastierista Paolo Garbin, Nick Muneratti al contrabbasso, il percussionista Marco Bonutto e il batterista e fondatore Enrico Smiderle, rendono omaggio al pianista Herbie Hancock e alla sua band storica, gli Head Hunters. La band ha concentrato il suo sviluppo musicale nel periodo degli anni ‘70 in cui Hancock usava strumenti acustici e elettronici con una forte matrice jazzistica fusa con i ritmi funk. Il repertorio omaggia il decennio più caldo e vivace dell’artista e della sua band, e la forte intesa personale e musicale dei musicisti dei Funk Hunters permette di interpretare in maniera personale e contemporanea la musica di Hancock, a base di jazz, soul, funk e disco funk.

Casa del Jazz, casadeljazz.com, 06-80241700, viale di Porta Ardeatina 55. ore 21

Musica/Al Charity Honey Back to the Blues

Honey, la vocalist Giorgia Creatura, torna con una nuova formazione, dopo un periodo di intensa creatività, per un progetto dove brani originali e cover si fondono in sfumature blues, soul e funky. Con lei suonano il chitarrista Daniele Pintaldi, il contrabbassista David Pintaldi e il batterista Salvatore Scorrano.

Charity Cafè, via Panisperna 68, charitycafe.it, 06-47825881, ore 22

Jazz/Max Paiella & Mark Hanna live al Cotton Club

Il vocalist, musicista, comico e vignettista Max Paiella stasera è sul palco con il chitarrista e bandleader Mark Hanna & Blind Dog Barbecue Quartet, cioè Moreno Viglione alla chitarra solista, Adriano Lo Giudice al contrabbasso e Augusto Zanonzini alla batteria. In repertorio brani rock-blues inframezzati da retroscena, racconti e aneddoti, come dire tutto quello che avreste voluto sapere sulle vostre canzoni preferite. Mark ha collaborato con Mick Taylor, Jeff Healey, Paul Young, grandi bluesmen come Johnny Copeland, Chicago Beau, Sugar Blue, Zoot Money, Roomful of Blues e artisti come Ami Stewart, Carl Anderson, Alex Britti.

Cotton Club, via Bellinzona 2, www.cottonclubroma.it 349-0709468, ore 22

Rock/Con i Tree Gees tutti i Bee Gees al Fonclea

I Tree Gees sono una tribute band dei Bee Gees, on the road dal lontano 1997. Formata da Alex Sammarini (voce e chitarra), Paolo Amati (voce e basso), Franz Bancalari (voce e tastiere) e Ezio Zaccagnini (batteria), la formazione ripropone gli hit della band americana. «Vogliamo catturare l’anima della loro musica, aggiungendovi la nostra esperienza di musicisti esperti e raffinati, sempre alla ricerca dell’emozione da condividere con chi ci viene ad ascoltare»: è il loro slogan.

Fonclea, fonclea.it, via Crescenzio 82a, 06-6896302, ore 21.30

DOMENICA 9  OTTOBRE

Jazz/Alla Casa una mattinata su Louis Armstrong con Luca Bragalini

Attraverso documenti originali, video rari e ascolti alle 11 avete la possibilità di scoprire un Louis Armstrong inedito. Il musicologo Luca Bragalini indagherà sul rapporto di Satchmo con il cinema e la New Orleans del tardo ottocento, sulla sua biografia degli anni giovanili e sugli ultimi anni della sua carriera, quando stanco e malato era ancora impegnato a regalare capolavori. Lo farà ogni domenica mattina fino al 30 ottobre. 

Casa del Jazz, casadeljazz.com, 06-80241700, viale di Porta Ardeatina 55. Ore 11

Musica/La Scoop Jazz Band live all’Elegance Cafè

Un gruppo di giornalisti e musicisti uniti dalla passione del jazz e del blues, che propone un repertorio di successi del repertorio standard e classici blues e swing con reinterpretazioni originali sia sul versante ritmico che su quello melodico: ecco la Scoop Jazz Band, on the road dal 2010, reduce da live in Italia e all'estero. Sono Dino Pesole (chitarra), Antonio Troise (tastiere), Stefano Sofi (percussioni), Romano Petruzzi (sax contralto), Guido Cascone (batteria), Stefano Abitante (voce e tromba), Sebastiano Forti (sax tenore), i vocalist Donatella Cambuli e Massimo Leoni, Antonello Mango (contrabbasso) e Michelangelo Marinelli (sax baritono).

Elegance Cafè, elegancecafe.it, 06-57284458, via Francesco Carletti 5, ore 21.30

Musica/Aperitivo blues al Charity Cafè

Un dialogo estemporaneo tra corde, vocali e non, improvvisazioni che si spostano dalla voce alla chitarra, dal violino all’armonica senza soluzione di continuità o che si sdoppiano, continuando a viaggiare assieme, diverse e appaiate: è la proposta del vocalist e chitarrista  Marco Ricciardi e del violinista, armonicista e vocalist Juan Carlos Albelo Zamora, fra latino-america e Italia con samba, bossa, tango, boleros, zamba argentina e con alcune perle della tradizione popolare e  cantautoriale napoletana e romana.

Elegance Cafè, elegancecafe.it, 06-57284458, via Francesco Carletti 5, ore 18.30

Rock/Al Cotton Club live dei Newtones

Per gli appuntamenti della serie “Bevo solo Rock’n’Roll” stasera, dopo la lezione di ballo gratuita della scuola Dance Boogie Woogie, Il live è con la band dei Jump Aces, formazione romana jump_blues & swing di musicisti già conosciuti della scena romana e non solo. Sono il vocalist e pianista Marco Meucci, il chitarrista Alessandro Angelucci, il contrabbassista Al Compassi e il batterista Lorenzo Fancocci.

Cotton Club, via Bellinzona 2, www.cottonclubroma.it 349-0709468, dalle ore 20

© RIPRODUZIONE RISERVATA