L’artista pugliese Nino Perrone alla IV edizione della Triennale di Arti Visive a Roma: come visitarla

L’artista pugliese Nino Perrone alla IV edizione della Triennale di Arti Visive a Roma: come visitarla
3 Minuti di Lettura
Lunedì 14 Giugno 2021, 15:24

L’11 giugno sarà inaugurata nel Palazzo della cancelleria apostolica di Roma, l’esposizione dell’artista pugliese Nino Perrone per la IV edizione della Triennale di Arti Visive. Il tema principale della rassegna saranno gli anni '20 del nostro secolo e il cambiamento che stanno portando nelle nostre vite da quelli climatici fino ai geopolitici, un ventennio caratterizzato prevalentemente dall’attuale decorso pandemico. Si assisterà a una rappresentazione drammatica ed ironica di uno stato di disagio interiore causato anche dal distanziamento sociale.

 

Chi è Nino Perrone?

Nino Perrone è nato a Bari, dove vive e lavora ancora oggi. Si è diplomato all’Istituto Statale d’Arte di Bari, dall’età di quindici anni ha frequentato lo studio dello scultore Antonio Bibbò, dove ha appreso le diverse tecniche della scultura che ha successivamente utilizzato nelle preparazioni delle tele da dipingere. Nel 1977 la sua prima mostra personale, presso la galleria d’Arte Moderna “Alba di Ferrara” ottiene vivo successo. Nell’Agosto 1979 riceve il “Gran Premio Città di Pompei” dall’ International Art Exposition, per riconosciuti meriti artistici. Nell’ottobre dello stesso anno riceve il “Premio Michelangelo-città di Roma” ed è inserito nel “Vademecum dell’arte” dalla casa editrice “Il Pilastro” di Firenze e dall’ESA. Nel maggio dell’anno 1980 viene invitato dall’ESA, alla mostra itinerante di pittura “L’Album”, collettiva di propaganda e vendita in Belgio – Bruxelles –Liegi – Anversa. Invitato dalla C.I.D.A. Nei primi anni 80 riceve il premio Internazionale “Controcampo Culturale”. Nel 2020 in piena pandemia Perrone è stato invitato dallo storico e critico d’Arte Giorgio Di Genova per una collettiva online “Il Quintetto d'Arte” per ovviare alla chiusura delle mostre causa covid.

© RIPRODUZIONE RISERVATA