A scuola con Il Cinema in Tasca: premiati i video a Trastevere

Lunedì 16 Dicembre 2019
Il Cinema in Tasca, la premiazione dei video protagonisti del progetto-laboratorio a cura della Scuola Media Regina Margherita di Trastevere
Un'azione pratica contro il bullismo e non solo. Un'iniziativa che agisce alla base della forma mentis dei giovanissimi, in un luogo fondamentale come può essere un istituto scolastico. E' proprio tra i banchi di scuola infatti, che spesso nascono atti di bullismo, troppe volte testimoniati da video amatoriali lanciati sulla rete dagli stessi studenti. Da questo e da molto altro ancora nasce "Il Cinema in Tasca", esperienza di laboratorio finanziata dal Miur e dal Mibact, fortemente voluta dalla dirigente scolastica Pasqualina Mirarchi che, presso la Scuola Media Regina Margherita a Trastevere, ha dato il via alla seconda edizione del progetto-laboratorio dedicato all'uso consapevole e creativo dello smartphone, un percorso che si concluderà con la premiazione degli studenti, mercoledì 18 dicembre dalle ore 18.00 e che si è avvalso del lavoro della professoressa Cinzia Russo e della collaborazione dell'Associazione Offf. Un vero e proprio viaggio semi-professionale per gli studenti delle scuole medie, finalizzato alla creazione di brevi video realizzati con il coordinamento artistico del regista Andrea Jublin. Tutti i video ricavati saranno montati in successione e proiettati in una performance collettiva visibile sullo schermo del cinema della scuola. Non è un caso che il progetto sia stato realizzato nella storica scuola trasteverina, poiché l'edificio, prima scuola pubblica dell'Unità d'Italia, è stato il primo agli inizi del '900 ad avere una sala di cinema da poco ristrutturata.
 
La prima edizione de "Il Cinema in Tasca" ha visto il coinvolgimento appassionato di molti studenti, un numero già considerevole per l'iniziativa sperimentale proposta che, per la sua seconda edizione, ha visto raddoppiate le partecipazioni degli allievi, pronti a cimentarsi con l'utilizzo creativo dello smartphone. Il laboratorio che vedrà la sua conclusione con la premiazione degli studenti il prossimo 18 dicembre 2019, proprio come avviene per i veri festival di video e cortometraggi, vedrà la partecipazione della sceneggiatrice Federica Pontremoli.
La nuova classe di "principianti" di prima media ha assistito nel corso del tempo alla proiezione di grandi classici, come E.T. e Stand by Me. A loro è stato chiesto di pensare, scrivere, girare, recitare e montare filmati, utilizzando il proprio smartphone. Il piano di lavoro intrapreso dai ragazzi si è sviluppato in più moduli: il primo in cui "guardare", con l'analisi di grandi film; il secondo in cui "raccontare", da dove nasce una storia, come si sviluppa e in che modo finisce; il terzo in cui "recitare, girare e montare", in cui gli studenti si sono confrontati con i diversi mestieri del cinema. Ancor più coinvolto è stato il gruppo dei piccoli cineasti appena dodicenni, impegnati nel loro secondo anno di laboratorio, con l'ideazione e realizzazione di due cortometraggi, un momento pratico che li ha visti cimentarsi anche con la macchina da presa, in una vera esperienza di troupe. In quei momenti i ragazzi hanno potuto scrivere il copione, recitare, alternarsi al ciak, al suono, al controllo delle luci, fino ad assistere il regista e coordinatore Andrea Jublin, insieme all’operatore e montatore Pietro Ciavattini, con cui hanno anche curato scenografia e costumi.
  Ultimo aggiornamento: 20:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma