Roma, sede del Tribunale per i diritti del malato a San Giovanni chiusa: pronta interrogazione al consiglio regionale

"Preannuncio un’interrogazione al consiglio regionale", dice Fabrizio Ghera Consigliere regionale Lazio di Fdi

Roma, sede del Tribunale per i diritti del malato a San Giovanni chiusa: pronta interrogazione al consiglio regionale
3 Minuti di Lettura
Giovedì 10 Novembre 2022, 15:03

La sede del Tribunale per i diritti del malato dell’Ospedale San Giovanni Addolorata è chiusa: inaccettabile. Con una nota si è levata la rabbia e la perplessità del segretario regionale di Cittadinanzaattiva Lazio Elio Rosati sollecitato da migliaia di cittadini e centinai di addetti ai lavori dell’ospedale San Giovanni: «Purtroppo, mio malgrado, sono costretto a comunicare che dopo mesi anzi anni di attesa per il rinnovo della convenzione con l’Azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata siamo ancora nelle condizioni di non poter operare con una delle nostre sedi storiche del Tribunale per i diritti del malato nella città di Roma a causa di non si quale motivo, è una vicenda che sfiora l'incredibile e che testimonia nei fatti come si considerino le organizzazioni civiche nella Regione Lazio, avere chiusa la sede del Tribunale per i diritti del malato del San Giovanni equivale a tenere in silenzio le cose che non funzionano come dovrebbero. Dato che sono il segretario di un'organizzazione che fa della tutela dei diritti e della promozione della partecipazione civica la propria missione non posso tacere, né tanto meno, dopo tanto rispettoso silenzio, girarmi dall'altra parte».

Acilia, piazza Capelvenere abbandonata: lavori finiti ma i commercianti non riescono ad aprire

Pronta l'interrogazione al consiglio regionale

Un aiuto che si leva dall’associazione e da migliaia di cittadini alle istituzioni a fare qualcosa. «Preannuncio un’interrogazione al consiglio regionale - dice Fabrizio Ghera Consigliere regionale Lazio di Fdi - per chiedere chiarimenti al Presidente della regione Nicola Zingaretti e all’Assessore competente alla Sanità Alessio D’Amato di trovare soluzione alle richieste del Tribunale del Malato». Ricordiamo che il Tribunale per i diritti del malato (TDM) è nato e ha lo scopo di tutelare e promuovere i diritti dei cittadini nell’ambito dei servizi sanitari, assistenziali e socio-assistenziali e per contribuire a che la voce dei cittadini sia ascoltata e considerata, dal livello locale a quello nazionale ed internazionale, come contributo imprescindibile per una sempre più umana, efficace e razionale organizzazione del servizio sanitario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA