Roma, investe e uccide il marito nel parcheggio del Santuario delle Tre Fontane: giallo sulla Laurentina

Parte per uscire dal parcheggio e centra in pieno l’uomo di 74 anni

Roma, investe e uccide il marito nel parcheggio del Santuario delle Tre Fontane: giallo sulla Laurentina
di Marco De Risi e Luisa Urbani
3 Minuti di Lettura
Sabato 25 Maggio 2024, 23:45

Forse un malore, forse una disgrazia, forse un gesto consapevole. Non è chiara la dinamica dell’incidente nel quale ieri pomeriggio, poco dopo le 16, ha perso la vita un uomo italiano di 74 anni, finito sotto l’auto guidata dalla moglie mentre i due si trovavano nel parcheggio del Santuario della Vergine della Rivelazione, in via Laurentina 400. L’uomo, come raccontano i soccorritori, è morto sul colpo, rimanendo incastrato tra l’asfalto e la Fiat 600 grigia a bordo della quale si trovava solo la consorte.

Per estrarre la vittima, infatti, sono dovuti intervenire i vigili del fuoco, arrivati sul posto insieme alla polizia di Stato e alla municipale, che ha provveduto a chiudere al traffico l’ingresso del parcheggio.

Chiuso al pubblico anche il Santuario e annullate tutte le celebrazioni religiose previste per la giornata di ieri. 

LA SORELLA
«Mio fratello e sua moglie erano semplicemente andati a pregare in chiesa. Quando erano lì lui si è sentito male ed è caduto a terra. Era malato da diverso tempo, aveva già avuto due ictus», dice innervosita la sorella della vittima cercando di allontanare i curiosi arrivati o per andare a messa o accedere all’interno del grande parco dove si trova il Santuario. Un viavai di persone, dovuto anche al fatto che l’incidente è avvenuto di sabato pomeriggio, quando appunto si celebrano le messe prefestive. «Cosa succede?», «Dobbiamo andare a messa. Perché non si può entrare?», «Ma la messa oggi non c’è?» chiedono diverse persone. Alcune sono innervosite, altre preoccupate. I più attenti capiscono cosa è successo perché notano il cadavere dell’uomo, nascosto sotto la coperta isotermica. «È morto qualcuno», dice un uomo allontanando il figlio dal luogo della tragedia. «C’è stato un incidente molto grave», spiega la polizia locale senza entrare nei dettagli. 

I dettagli al momento sono infatti poco chiari. Come sia morto l’uomo ancora non si sa. Una vicenda complessa per la quale è stato necessario anche l’intervento sul posto del pubblico ministero, arrivato alle 19.30, insieme alla scientifica che ha provveduto con i rilievi. Rilievi che potrebbero essere utili per capire se il 74enne sia prima caduto poi sia stato investito o se sia stato direttamente investito dalla donna.

LE INDAGINI
Una serie di dubbi che potranno essere chiariti solo al termine delle indagini. Fondamentali, oltre ai rilievi, saranno anche la testimonianza della guidatrice e delle persone che erano in zona e che potrebbero aver visto con esattezza cosa sia successo. Al vaglio degli investigatori anche eventuali telecamere di videosorveglianza che potrebbero aver ripreso l’impatto. 

LA DINAMICA
Al momento, l’unica certezza è che l’uomo sia finito sotto l’auto che ha poi concluso la sua corsa andando a sbattere contro un albero. La donna al volante è riuscita ad uscire dalla macchina da sola. Nonostante l’impatto contro l’albero non ha riportato nessuna ferita, ma è rimasta decisamente scossa per l’accaduto. Ai soccorritori avrebbe detto che lei stava uscendo dal parcheggio mentre l’uomo, che non camminava molto bene, si trovava in piedi vicino l’auto. Ma poi non ha saputo aggiungere altro. Una versione che ovviamente dovrà essere verificata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA